Grecia: vescovo ortodosso querela un'associazione di lotta contro l'AIDS

Un milione di euro è la cifra che in Grecia un vescovo ortodosso ha chiesto all'attivista Leo Kalovyrnas e all'associazione Synthesis HIV/AIDS Awareness una delle principali organizzazioni non governative greche che si batte contro la diffusione del virus dell'Hiv nella popolazione LGBT e della salute delle persone sieropositive.

Il vescovo era stato pubblicamente accusato da Kalovyrnas e dalla Synthesis dopo alcune sue affermazioni omofobe attraverso le quali aveva affermato che le persone omosessuali sarebbero "moralmente corrotte" e "ossessionate dalla soddisfazione della loro deviazione psicopatologica" ma l'uomo non ha gradito l'intervento degli attivisti che, denunciati, dovranno apparire in tribunale il prossimo 3 Febbraio accusati di diffamazione. L'associazione ha affermato:

"Discorsi d'odio contro gay, lesbiche e transessuali vengono impunemente pronunciati in Grecia. Diversi politici, ministri, capi religiosi così come molti giornalisti e altri personaggi pubblici insultano ripetutamente gay e lesbiche senza subire alcuna conseguenza legale."

La Synthesis ha chiesto di firmare una petizione rivolta al governo greco per chiedere l'introduzione di leggi anti discriminazione basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: