Russia, la Duma approva la legge che vieta la propaganda omosessuale

Russia gay omofobia

La situazione in Russia non è affatto buona per il mondo Lgbt. Anzi, possiamo pure dire che è pessima. Il divieto del Gay Pride non è altro che il primo evidente segno dell'insofferenza verso l'omosessualità. Non solo non è tollerata ma è ostacolata in ogni sua forma. Persino parlarne.

Sì, ricordate? La stessa Madonna in un suo recente concerto, in una tappa a San Pietroburgo, è stata accusata di propaganda omosessuale dopo aver distruibuito dei braccialetti e tenuto un piccolo discorso durante le sue esibizioni. Stessa problematica che ha colpito Lady Gaga, qualche tempo dopo. E, adesso, ecco un altro passo verso la perdita ulteriore dei diritti Lgbt.

La Duma, infatti, rappresentava il primo passaggio affinchè la legge proposta contro la propaganda omosessuale -vietata anche perché poteva essere fatta davanti a minori- diventasse concreta. E, alla fine, ecco il primo step superato. Ma in negativo, per il mondo Queer.

Ben 388 voti, 60 astenuti e un solo contrario. Ecco il quadro di coloro che dovevano votare se far passare o meno questa legge proposta. E hanno votato quasi tutti "Sì". Quindi adesso mancano solamente altri due passaggi, Camera e poi l'accettazione finale da parte di Putin.

E, purtroppo, sembra che i risultati siano quasi scontati...

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 53 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO