Qualcuno ha morso il cane. Racconti di doppia vita (anche gay)

Copertina del libro Qualcuno ha morso il caneLa Coniglio Editore manda in libreria l'antologia Qualcuno ha morso il cane. Racconti di doppia vita, curata da Antonio Veneziani e Riccardo Reim. L'idea è quella di mettere insieme storie che avessero come tema comune la “doppia vita”. Nell'introduzione scrive Reim:

“Il doppio è qualcosa che esce dalla governabilità, qualcosa oltre la piena consapevolezza, oltre ogni calcolo, che ci rapisce e, come comunemente si dice, è più forte di noi… In fin dei conti, un’antologia sulla doppia vita è, in pratica, un libro sul desiderio – potremmo dire anche sogno – inespresso che nove volte su dieci prende il sopravvento in modo autonomo, sorprendente e deragliante”.

Abbiamo, così, un multiforme campionario della vita doppia. Alcuni autori – nell'antologia figurano, tra gli altri, anche Franco Grillini, Maurizio Gregorini, Fabiomassimo Lozzi, Roberto Nobile – affrontano il tema dell’omosessualità – sia essa femminile o maschile – “soffermandosi sul desiderio che diventa sogno e il sogno che diventa desiderio, tra le consapevolezze note e quelle celate alla psiche umana, tra il sentimento amoroso e la conseguente pulsione di morte” (Vincenza Fava). Potrebbe essere l'idea per un regalo di Natale...

Qualcuno ha morso il cane. Racconti di doppia vita
a cura di Riccardo Reim e Antonio Veneziani
Coniglio Editore 2008
pagine 240, euro 15,00

  • shares
  • Mail