Barack Obama chiede stessi diritti per “i nostri fratelli e le nostre sorelle omosessuali”

Inauguration Day 2013: il discorso di Barakc Obama

Il nostro viaggio verso la libertà non potrà dirsi completo fin quando i nostri fratelli e le nostre sorelle omosessuali non saranno trattati come tutti davanti alla legge: se è vero che tutti siamo creati uguali, allora l'amore tra ciascuno di noi dev'essere trattato allo stesso modo.

Così ha detto oggi Barack Obama durante il discorso per il suo secondo insediamento come presidente degli Stati Uniti d'America, un discorso in cui l'uguaglianza – e nello specifico l'uguaglianza matrimoniale – è stata posta al centro.

Inauguration Day 2013 con il poeta gay Richard Blanco
Inauguration Day 2013 con il poeta gay Richard Blanco
Inauguration Day 2013 con il poeta gay Richard Blanco
Inauguration Day 2013 con il poeta gay Richard Blanco

Inauguration Day 2013 con il poeta gay Richard Blanco

Non è un caso, infatti, che proprio l'uguaglianza tra tutte le persone sia stata ribadita da Obama all'inizio del suo discorso:

Ciò che unisce la nostra nazione non è il colore della nostra pelle o l'origine dei nostri nomi, ma che tutti gli uomini sono creati uguali ed hanno diritti inalienabili.

Quelle di Obama non sono solo parole, ma sono testimoni di gesti concreti. Basti pensare che per la prima volta come inaugural poet è stato scelto un gay dichiarato, Richard Blanco e che la benedizione del mandato presidenziale è stata affidata al reverenvo Luis Leon (in un primo momento era stato sscelto il pastore Louie Giglio ma poi è stato tolto per via delle sue posizioni anti gay).

Via | Gayburg
Foto | Getty

Vota l'articolo:
3.98 su 5.00 basato su 124 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO