Gayhouseshare, il network per cercare casa in affitto (gayfriendly)

GayHouseShare

Il primo social network LGBT e friendly dedicato alla casa e all’abitare apre fra pochi giorni.

La foto che vedete in apertura post è uno screenshot fatto dalla pagina web GayHouseShare che, come indica dal nome, è indicato per chi cerca una casa in cui vivere o da appoggio per una vacanza, da parte del popolo Lgbt.

Se qualcuno vuole evitare i rischi e quindi non trovarsi alle prese magari con un locatore o un coinquilino omofobo, ha la possibilità di essere sicuro registrando in questo sito ed effettuando la propria ricerca.

Il tutto sarà attivo dal 25 gennaio 2013. Ecco le parole di Simone Marchesi, fondatore e finanziatore del progetto:

L'idea di Gayhouseshare nasce dalla rilevazione di una oggettiva necessità, quella di fare incontrare in maniera efficiente domanda e offerta di stanze o case in condivisione espresse da membri della comunità Glbt e gay friendly, sia a scopo residenziale che turistico. Si tratta di una domanda/offerta già molto consistente ma che si manifesta più che altro in maniera informale o impropria attraverso canali spesso non adeguati (come le chat dedicate agli incontri).

La registrazione base sarà gratuita mentre a pagamento ci sarà solo una versione premium per evidenziare annunci o avere una notifica personale. E verso chi potrebbe criticare questa formula che può essere vista come "un isolamento" ecco la specificazione:

Riconoscere i bisogni specifici di una parte della cittadinanza e provvedere al loro soddisfacimento non significa ghettizzare ma prendere atto delle differenze e valorizzarle. Noi non promuoviamo la ‘gaytizzazione’ ma la nascita ed il consolidamento di nuove forme di convivenza, coabitazione e anche di famiglia, senza togliere nulla a quelle tradizionali.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: