I rugbisti degli All Blacks invitati a fare coming out

All-Blacks

Gli All Blacks sono una fortissima e nota squadra di rugby della Nuova Zelanda a cui è arrivato un invito abbastanza insolito. Si tratta di una lettera diretta ai giocatori stessi, invitati – nel caso qualcuno di loro fosse gay – a fare coming out:

Siete così bravi a vincere le partite di rugby, ora dateci una mano a sconfiggere l’omofobia. Se tra di voi c’è un gay, lo dichiari.

Il tutto è nato da una dichiarazione di Steve Gray, presentatore tv dichiaratamente omosessuale, che ha lanciato la bomba del gossip:

Posso assicurare che tra gli All Blacks ci sono diversi gay, perché sono stato a letto con uno di loro.

Inutile sottolineare come queste parole abbiano solleticato la curiosità di coloro che hanno ascoltato le sue parole. È nato il classico "toto-gay" e Tony Simpson, attuale presidente dell’associazione Rainbow Wellington, ha sottolineato come il coming out di un giocatore di rugby possa essere il modo migliore per allontanare ancora di più le discriminazioni e il tabù in uno sport come questo.

Nessuno fino ad oggi ha accettato la richiesta di dichiarare la propria omosessualità -o bisessualità che sia- e il gossip continua ad aleggiare su questo misterioso rugbista che non disdegna il sesso maschile

Via | Corriere

  • shares
  • Mail