Josh Pacheco suicida a 17 anni per omofobia e bullismo

josh-pacheco-suicida

Un'altra drammatica storia di omofobia e bullismo che ha portato al suicidio di un ragazzo. Non è accaduto in Italia bensì nel Michigan ma al centro della vicenda un altro esempio di discriminazione e violenza psicologica.

Il suo nome era Josh Pacheco, aveva diciassette anni e la famiglia aveva accettato nel migliore dei modi la sua omosessualità senza alcun problema. La stessa madre, nel parlare di suo figlio, ha raccontato di non essere rimasta sorpresa dalla sua confessione. Tutto sembrava proseguire nel migliore dei modi. Ma, a scuola, i bulli non facevano altro che tormentarlo.

E così, Josh ha salutato tutti sulla pagina Facebook:

Mi dispiace annunciare che questa è la fine. Io me ne vado. Vi saluto dal profondo del mio cuore. Addio.

Inutile l'intervento del padre e dei vicini di casa che hanno letto il messaggio. Quando sono arrivati a casa, il ragazzo era già privo di vita, nel garage, chiuso nel camioncino, con il tubo di scappamento collegato all'interno del veicolo. Con lui un biglietto scritto a mano:

Mi dispiace non essere stato in grado di essere più forte.

  • shares
  • Mail