Per Natale? Meno stereotipi di genere e gli auguri di mamma

Per Natale? Meno stereotipi di genere e gli auguri di mamma

Basta passare un pomeriggio seduti davanti alla tivvù, sintonizzati su un canale per bimbi per rendersene conto: avete mai visto gli spot che mandano fra un cartone e l'altro? Bambine con bambolotti, rigorosamente in veste materna, occupate a cambiare pannolini, nutrire col biberon e qualche volta stirare. Anche un gioco intelligente, come i Lego, si apre alle ragazze con Lego friends, una versione più soft.

Ma le ragazzine, mi chiedo io, è sicuro che non nutrano desiderio alcuno di costruire un'astronave? Non saremo un po' troppo fiscali con questa ripartizione netta di compiti? E quest'anno non sarà questo il regalo che meritano i nostri figli? Un po' di morbidezza?

Per Natale? Meno stereotipi di genere e gli auguri di mammaCome scrive in questi stessi giorni Giornalettismo, non c'è che augurare a tutti meno stereotipi di genere, un'educazione più aperta e possibilista, che consenta a chiunque di esprimersi per quello che è:

Il mio fratellino ha una grande passione per la cucina. Cucinare è la sua attività preferita al di fuori della scuola. E per lui ho trovato il regalo perfetto: un forno giocattolo ma perfettamente funzionante. Trovo però orrendo che il forno sia disponibile solo in due colori: rosa e viola. Penso che lanci un messaggio chiaro: le donne cucinano e gli uomini lavorano.

Una ragazzina del New Jersey, McKenna Pope, ha lanciato una petizione online, basata su questa semplice domanda, ha raccolto oltre 23.000 firme in pochi giorni.

Su Your Holiday Mom le mamme adottano virtualmente ragazzi gay, a rischio di emarginazione dopo il coming out, o che sia, semplicemente, alla ricerca della sua identità sessuale, costretti, magari, a trascorrere le vacanze di natale da soli. Si legge in HP, la testimonianza di una mamma che spiega

So che non tutte le persone che escono allo scoperto sono accettati da tutti i membri della famiglia. Troppo spesso, c'è un sacco di giudizio. Mi dispiace. Mi dispiace se hai avuto questo e mi dispiace se la tua famiglia non comprende o non ti accetta. Spero ti conforti un po' sapere che ci sono molti che pensano a voi e agli altri della comunità LGBTQ...

Abbracci di mamma, che anche se virtuali possono fare molto bene al cuore. Si legge sulle pagine del sito:

Sapendo che ogni genitore non è pronto ad accettare il proprio figlio LGBTQ esattamente così com'è (difficile per noi da credere) abbiamo sentito il bisogno estendere il nostro amore al di là di quella della nostra famiglia.

Semplice, come l'amore.

Foto | Getty

  • shares
  • Mail