Roma Pride 2008: la cronaca in diretta

Logo del Roma Pride 2008

Alle 19,34 l'ANSA ha finalmente battuto la notizia del gay pride! Ha parlato di quello di Roma e di quello di Milano. A differenza degli altri media ha messo in risalto anche la presenza delle persone trans*

“Gli italiani ci obbligano a prostituirci - noi vogliamo un lavoro diurno”. È il cartello portato da un transessuale della Fenice, associazione nazionale Transex e Transgender al corteo dei gay pride milanese. “Siamo tra le categorie più discriminate e prese in giro - hanno detto - ci trattano come delle caricature, ma noi siamo solo delle persone normali che vogliono un lavoro normale”.

Concludiamo così questa nostra cronaca in diretta che è partita alle ore 16,30. Un grazie di cuore ad Egizia che ci ha aggiornato in tempo reale di quel che accadeva a Roma.

Il TG de La7 ha realizzato un bel servizio sul Roma Pride. Ha sottolineato che forse gli organizzatori si son lasciati prendere la mano per quel che riguarda le stime perché, seppur grande la partecipazione, di certo non ha raggiunto le cifre date dagli organizzatori. Ha poi intervistato Imma Battaglia che non ha partecipato al Pride, ma solo alla sua apertura. Secondo la Battaglia si tratta di un Pride troppo chiassoso e non rispondente alle vere esigenze di migliaia di gay che, di fatto, non vi hanno preso parte.

Il TG1 ne ha parlato in un altro servizio nel quale ha intervistato molte persone “curiose” ai bordi delle strade romane. Tra gli esponenti della comunità gay ha parlato Imma Battaglia (che, per non aver partecipato al Pride è stata su tutti i tiggì...! - e tutti i sottopancia hanno sbagliato il nome dell'associazione Di' Gay Project... )

Piazza Venezia piena di manifestanti del Pride

ore 20,00

Parla Vladimir Luxuria:

“Ci sono genitori omosessuali. Madri e padri con i loro figli qui, oggi. Queste sono le nostre famiglie. L'Italia su questi temi si sta muovendo, ma all'indietro! Non solo non abbiamo ottenuto nulla ma ora vogliono anche dirci come e dove sfilare per chiedere i nostri diritti!”

Citando poi l'aggressione ai ragazzi di Napoli ha proseguito:

Berlusconi bacia la mano al papa quando i ragazzi nelle scuole soffrono per quello che dicono questi bigotti. Stanno cercando di rendere illegale ciò che alcuni reputano immorale. Un giorno di questo passo si potrebbe arrivare a rendere illegale anche l'omosessualità. Per noi è immorale che due capi di stato di paesi dove l'omosessualità è reato vengano ammessi al vertice Fao con cene lussuose”.

La folla è esplosa in un'ovazione. Nel frattempo si è saputo che i compagni di Facciamo Breccia sono stati fermati dalla polizia durante la loro incursione a san Pietro.

ore 19,44

Ecco gli ultimi aggiornamenti di Egizia:

Dopo che Grillini ha concluso dicendo che le manifestazioni indecorose non sono quelle dei gay ma quelle della Lega, ha preso la parola Marco Cappato che ha urlato il bisogno di questo paese di colmare un vuoto legislativo per le coppie glbt. Ora sta parlando un esponente dell'AGeDO, padre di uno dei dj del bus rosa, che sta indirizzando un commosso monito contro una società che esclude tutti i ragazzi glbt. Segue il saluto di radio deegay.it.

Mentre aspettiamo gli aggiornamenti di Egizia che sta seguendo per noi il Pride da Roma, facciamo notare che il TG3 ha fatto un servizio sul pride intervistando Imma Battaglia, Rossanna Praitano, Vladimir Luxuria. Ha anche intervistato una madre felicissima di aver un figlio gay e una donna che difende a spada tratta i gay. Del pride milanese il TG3 ha appena parlato, mandando in onda, invece, un servizio su una manifestazione ambientalistica tenutasi sempre oggi a Milano.

***

Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma, ha affermato che c'è stato un tentativo di irruzione nel gay pride romano da parte di una trentina di estremisti di destra. Il gruppo è stato bloccato dalle forze dell'ordine. Il tentativo di irruzione, è avvenuto a Piazza Venezia all'incrocio con via dei Fori imperiali, nei pressi dell'altare della patria. Verso le 18,30 almeno una bandiera nera con la croce celtica era ancora visibile a piazza Venezia (via Corriere).

ore 19,38

Ora parla Titti de Simone, ex parlamentare rc, che critica sia una sinistra troppo fragile che la nuova ondata neofascista. Sostiene che c'è bisogno di piazze come questa per difendere la nostra diversità e una società diversa che possiamo costruire tutti insieme. Paola Concia, attuale parlamentare PD esclama:

“Siamo noi la vita vera in questo paese. Sono sola in parlamento ma porterò avanti il nostro dicorso. Non resterò chiusa in quel palazzo, perché oggi quel palazzo lo abbiamo sfondato!”

Poi interviene Franco Grillini che attacca Berlusconi:

“Perché vi chiamate popolo delle libertà? Siete il popolo della galera, galera per i rom, per gli immigrati, per i gay. Il gay pride è la medicina contro la dittatura”

ore 19,36

Elena Biagini di Facciamo Breccia ha appena detto che mentre qui si fanno gli interventi del Pride, un gruppo di aderenti al movimento sta occupando San Pietro.

Al momento non ci sono conferme da parte delle agenzie stampa.

ore 19,15

Siamo tutti a piazza Navona. Sono appena iniziati gli interventi politici. Sono in fila: Franco Grillini, Vladimir Luxuria, Marco Cappato, Paola Concia. Inizia ora a parlare Rossana Praitano, presidente del Mario Mieli:

Anche quest'anno abbiamo dimostrato di che pasta siamo fatti. Un pride fortemente osteggiato ma la città ci ha capiti e ci è stata vicina. È stato detto che noi ostentiamo. Ma cosa ostentiamo? Che siamo così positivi? Ebbene sì, allora ostentiamo! Non c'è nessuna incompatibilità tra il mondo glbt e gli altri. Le nostre esigenze sono sempre le stesse e per questo testardamente siamo in piazza, una piazza che si voleva oscurare come la nostra esistenza. Ma noi siamo qui, centinaia di migliala. Abbiamo riempito piazza Navona, questa piazza è stupenda. Ed è un successo straordinario.

La Praitano ha poi concluso con un applauso a Massimo Consoli, scomparso quest'anno. Dopo di lei hanno preso la parola gli organizzatori del Bologna Pride.

ore 19,09

Inizia il balletto delle cifre. Dice l'agenzia Reuters:

Secondo le forze dell'ordine e testimoni sono circa 10mila i partecipanti, in corteo per le strade del centro della capitale con striscioni, cartelli colorati e carri musicali.

ore 18,39

Egizia esulta (e con lei tutti noi):

Arrivati a piazza Navona, una roba incredibile!!!!!! Vorrei che foste tutti qui per vedere con i vostri occhi! Oggi Roma è tutta gay!!!!

Il Roma Pride a Piazza Navona

ore 18,36

Dalla nostra inviata a Roma, Egizia.

Stiamo per arrivare a piazza Navona. Il corteo, appena circumnavigato largo Argentina, si sta immettendo nelle viette che portano nello stadio di Domiziano in cui si terrà l'approdo della manifestazione e da dove ci saranno gli interventi politici. Fra poco saremo in diretta con Radio Città Futura (alle 18,35). Il pullman rosa dell'organizzazione sta invece percorrendo incredibilmente a un ritmo vivace il lungotevere, in mezzo al traffico, per raggiungere piazza Navona da una via principale, visto che attraverso le viette non si passa. Fra poco ci ricongiungeremo con il corteo che intanto si appresta a invadere la piazza. Nel frattempo il bus, seguito dalle moto della polizia che ci aprono la strada in mezzo al traffico, sta arrivando in piazza. È una cosa unica, mai successa a Roma. Il bus del pride che saluta la città.

Famiglie arcobaleno

ore 18,30

Due foto prese dal sito di Repubblica

Coppia al Roma Pride 08

Un momento del Pride romanoore 18,17

Anche Il Messaggero riporta la notizia che i partecipanti al Roma Pride sono 500mila. Poi parla anche del Pride di Milano. Ecco il pezzo:

A Milano sullo striscione d'apertura del corteo da Corso Venezia c'era scritto “Ma non togliamo il disturbo”. Festosa, chiassosa e colorata come ogni parata degli omosessuali e delle lesbiche, la manifestazione si concluderà in Piazza Castello. Prima della partenza sono stati distribuiti centinaia di foglietti bianchi adesivi con una X rossa che i manifestanti attaccheranno sulla bocca passando in piazza Duomo. “È la nostra forma di protesta - ha detto Aurelio Mancuso, presidente Arcigay - per ribellarci a chi vorrebbe ridurci al silenzio”. Il corteo è formato cinque carri addobbati di palloncini e festoni e motivi luccicanti. Molte le bandiere della sinistra democratica, di sinistra critica e dell'Arcigay. Partecipa anche il centro sociale Cantiere e alcuni giovani che portano bandiere del Prc. Tra gli slogan più urlati: “Attenta Italia, altro che alzati Italia” parafrasando una delle parole d'ordine della campagna elettorale del Pdl. Molti hanno urlato “Meno cardinali più staminali” e “Meno preti più prati”. Molti travestimenti e le maschere usate. Tra queste quella con il volto del sindaco di Milano Letizia Moratti.

Festosa, chiassosa e colorata come ogni parata degli omosessuali e delle lesbiche: detta così pare che noi gay sappiamo fare solo baracconate...

Un'altra immagine dal Roma Pride 08

ore 18,08

Nell'inviarci la foto Egizia commenta:

Che nessuno dica che siamo meno di 500mila o venissero qui a contarci. Siamo una cosa impressionante. Una vera folla di cui non si vede la fine!

Piazza Venezia piena di manifestanti del Pride

ore 18,00

Un'istantanea di Piazza Venezia a Roma colma di partecipanti al Pride. Un trionfo!

ore 17,51

In 500.000 al Roma Pride! Il carro del coordinamento Pride ha appena dichiarato ufficialmente che siamo 500mila. La stima è stata fatta considerando che mentre si percorre via dei Fori Imperiali ci sono ancora persone a Piazza della Repubblica. Una marea di persone!

I partecipanti al Roma Pride 2008

ore 17,48

Certo che i partecipanti al Roma Pride 2008 sono proprio molti, non trovate?

Roma Pride 2008ore 17,41

Ecco quanto ci dice Egizia in diretta da Roma.

Ormai abbiamo percorso quasi tutta via Cavour, ed è completamente piena tutta, dall'inizio alla fine, di manifestanti. Dalla testa del corteo non si riesce a vedere la fine. Ad una prima stima potremmo dire, a colpo d'occhio, di essere - senza paura di essere smentiti - almeno 500mila. La folla è oceanica. Per il momento un fiume di gente festosa che chiede i propri diritti in maniera del tutto pacifica e colorata. Senza alcuna polemica. A parte uno scherzoso e provocatorio vaffanculo alla Carfagna dal microfono di un carro.

Il pullman rosa del Circolo Mario Mieli è in testa e guida il corteo da dove ha fatto il primo saluto alla folla Vladimir Luxuria. Sono sul carro anche Melissa P che da sempre è vicina alla comunità GLBTQ e già dallo scorso anno ci sostiene attivamente. In testa al corteo, tra la rappresentanza politica, ci sono Franco Grillini, Paola Concia, Elettra Deianis, Massimiliano Smeriglio.

Una foto dal Roma Pride 08ore 17,32
I giornali danno la notizia dei pride, sia di Milano che di Roma. Il Corriere della Sera online pubblica un lungo pezzo in cui riporta le opinioni dei politici. Ci sono anche delle foto: sempre la stessa tipologia. Potrebbero essere foto di un Pride qualsiasi, senza alcuna connotazione. Purtroppo è triste notare come la stampa metta in luce solo alcuni aspetti.

Repubblica titola Roma: in corso il corteo Gay Pride tra carri, slogan, fiori e confetti e pone l'accento sul carro itinerante che celebra nozze simboliche.

Adnkronos comunica che il Pride romano è iniziato sulle note della marcia nuziale e L'Unità parla di centomila presenze. L'Agenzia Giornalistica Italiana, infine, pone l'accento sullo slogan Carfagna nuda sui calendari, noi spogliati di tutti i diritti che compare su uno striscione.

ore 17,00

Ecco alcune dichiarazioni di Vladimir Luxuria fatte in piazza della Repubblica a Roma e raccolte da La Repubblica (scusate il gioco di parole):

Sui temi dell'omosessualità e dei diritti civili l'Italia sta finalmente facendo dei passi, ma all'indietro. Dopo 14 anni che facciamo il Pride non solo si discute ancora se farlo o meno ma si mette bocca anche sulle modalità. La prostituzione, con un articolo del pacchetto sicurezza, viene considerata una manifestazione contro la pubblica moralità. Presto anche l'omosessualità sarà considerata un reato. Con questo pendolo tra governi di destra e di sinistra, finiscono per vincere le componenti cattoliche che hanno colonizzato i due schieramenti.

Come darle torto?

ore 16,52

Il corteo del Roma Pride a via Cavour

Ecco la prima foto del Pride romano: siamo a via Cavour

ore 16,35

Logo del Roma Pride 2008E il Roma Pride 2008 è iniziato, puntuale alle 16,30. C'è un sacco di gente. Fra gli altri la nostra inviata Egizia che ci terrà aggiornata in tempo reale su quel che succede. Seguiteci, allora. Al momento attuale il corteo sta per girare a via Cavour.

Ricordiamo che anche a Milano oggi si svolge il Pride.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO