Gambia, due spagnoli arrestati per omosessualità

Due cittadini spagnoli, di 54 e 56 anni, sono stati incarcerati in Gambia, nella località costiera di Kotu, con l'accusa di omosessualità. Lo riporta il quotidiano spagnolo El Pais, secondo cui ad accusare i turisti sono due tassisti che sostengono di aver ricevuto proposte sessuali.

Nel paese africano l'omosessualità è un reato e un paio di settimane fa, il 15 maggio, il presidente Yahya Jammeh (nella foto) aveva lanciato un ultimatum: tutti i gay avrebbero dovuto lasciare lo stato entro 24 ore, altrimenti avrebbero subito le punizioni previste dalla legge. La minaccia arrivava al punto di evocare il taglio della testa per chi commettese un simile abominio. Jammeh, inoltre, aveva annunciato che la legislazione sarebbe diventata ancora più repressiva di quella iraniana.

Adesso occorrerà vedere che succede a livello diplomatico e se l'Unione Europea sosterrà la Spagna nella difesa dei diritti di questi due cittadini comunitari. Aspettiamo anche l'intervento del presidente Berlusconi e del ministro Mara Carfagna, pronta a intervenire per combattere le discriminazioni. Questo sarà il caso?

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: