Il prete

Linus Roache nei panni del prete

Quando uscì quindici anni fa, non andai a vederlo (preferii guardare Prima dell'alba con Ethan Hawke) Ora l'ho visto in dvd e mi è piaciuto. Sto parlando del film Il prete – che negli USA fu condannato dalla Lega Cattolica per i Diritti Religiosi e Civili, in Francia i gruppi della destra cattolica cercarono di impedirne la distribuzione e in Italia uscì qua e là tra l'indifferenza generale.

Di fatto i preti sono due: il giovane padre Greg (Linus Roache) – rigidissimo e “di nascosto” gay – e padre Matthew (Tom Wilkinson) – parroco di un quartiere popolare di Liverpool, schierato con i poveri, che è stato in missione e ora convive con la perpetua. Ci sono anche altri preti, un vescovo, i parrocchiani. E l'amante di padre Greg, un giovane conosciuto in un locale (Robert Carlyle).

A ben guardare la tematica del film va al di là dell'omosessualità: si parla del mondo della chiesa con le sue incongruenze, si riflette sui temi della sofferenza e dell'amore, si condanna l'ipocrisia e il perbenismo conformista.

Ci sono tante storie che si intrecciano, forse un po' troppe, anche se tutte sono affrontate da una regia convinta e combattiva. Rimane un bel film che mostra ancora una volta l'ipocrisia della società verso i problemi sessuali. Assai spinta e godibile la scena d'amore gay – alla fine del post, un video con un assaggino –, come anche la scena in cui i due protagonisti mimano un atto sessuale di notte, dietro la porta di un anziano (e acidissimo!) prete.

Un film da vedere.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: