Vlatko Markovic, ex presidente della Federcalcio croata, condannato per omofobia

 Vlatko_Markovic

Vlatko Markovic era presidente della Federcalcio in Croazia fino a poco tempo fa. La sua carica era iniziata nel 1998.

Nel 2010 – ne avevamo parlato anche noi – aveva provocato scalpore affermando che non avrebbe mai accettato un giocatore di calcio apertamente omosessuale nella nazionale. Una frase forte, omofoba, che ha fatto il giro del mondo e che ha portato ad una condanna della Corte suprema

L'uomo dovrà pubblicamente scusarsi con la comunità Lgbt croata. La polemica era nata successivamente ad una sua dichiarazione offensiva: non conosceva alcuno sportivo gay 'poiche', fortunatamente, nel calcio giocano solo persone sane'. Il binomio malattia e omosessualità era servito.

Già nel 2010 era stato punito dalla Uefa con una multa di 10 mila euro. Adesso dovrà anche chiedere perdono per le proprie parole, insieme al divieto di dire altri concetti simili, in futuro.

  • shares
  • Mail