Gli amori gay di G. F. Green

amore gay

Il suo romanzo più celebre fu sicuramente “In the making”, commovente storia d’amore tra due adolescenti che G. F. Green (1911-1977) scrisse nel 1952. Del resto, la scoperta dei sentimenti, lo stupore adolescenziale che si prova di fronte all’amore furono sempre temi ricorrenti nelle opere di Green, inclusa la raccolta di racconti "First View" che l’autore dedicò ad un altro giovane scrittore dal destino tragico, ma dal talento assolutamente squisito: Denton Welch.

Tragica fu per svariati motivi anche la vita dello stesso Green che a Ceylon fu sorpreso in atteggiamenti inequivocabili con un giovane trasportatore di rickshaw, costretto ad apparire davanti alla corte marziale (era allora nell’esercito) e condannato a due anni di reclusione.

Liberato nel 1946, lo scrittore ebbe subito dopo un fortissimo esaurimento nervoso da cui si risollevò solo grazie all’aiuto della psichiatra Charlotte Wolff che gli fece riscoprire l’amore per la scrittura.

Così nella sua nuova casa nel Somerset, circondato da un bellissimo giardino che curava personalmente, Green scrisse sia il suo romanzo più bello di cui abbiamo già parlato che una serie di toccantissimi racconti (A skilled hand) dove il fallimento dell’amore sembra governare, sulfureo ed implacabile, la vita dell’uomo.

  • shares
  • Mail