In scena a Roma quattro attori che interpretano ruoli femminili

Debutta in prima nazionale, il 25 settembre al Teatro Sala Uno di Roma, "Atra Bile", spettacolo in cui ad essere protagoniste sono quattro vecchie donne che da sempre convivono in una casa situata in un piccolo paesino. Quattro donne chiuse praticamente in gabbia che negli anni hanno maturato rancori, segreti, invidie e tradimenti.

Perché ci interessiamo di questo spettacolo? Perché la sua particolarità è di essere stato scritto (dalla spagnola Laila Ripoll) per essere interpretato da quattro uomini, non che imitino le donne ma che lo diventino. Se è vero che per alcuni secoli furono i castrati a interpretare sulle scene romane molti ruoli femminili (nel 1588 Papa Sisto V impedì alle donne di esibirsi in teatro, inducendo molti maschi alla castrazione per la sostituzione delle figure femminili), è dalle fine del 1700 che le donne sono tornate sul palco, rimpadronendosi del loro ruolo. In questo spettacolo gli uomini ribaltano ancora la situazione per una precisa esigenza di testo.

In tutto il mondo questo testo è stato rappresentato da quattro attrici anziane, ma questa volta la regista (Tiziana Bergamaschi) ha voluto rispettare il lato grottesco del testo orginale. Senza macchiette, lontano dalle parodie, ma sempre a braccetto con l'ironia, basandosi sull'interpretazione e la sensibilità recitativa degli attori. Per dare una forma a questa sfida che ci sembra interessante vi diamo appuntamento dal 25 al 30 settembre a Roma, al Teatro Sala Uno. Info qui.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO