Milano: approvato il registro delle unioni civili

Milano: approvato il registro delle unioni civili

A Milano è stato approvato il registro delle unioni civili. La città lombarda si aggiunge, così, alla lista dei comuni italiani che hanno tale registro. Al termine di una seduta durata undici ore e mezza (su Polisblog trovate la cronaca dettagliata della seduta), il provvedimento è passato con 27 voti favorevoli, 7 contrari e 4 astenuti. Soddisfatto il sindaco, Giuliano Pisapia, che commenta:

Abbiamo ridotto lo spread sull’Europa dei diritti civili. È un provvedimento di carattere amministrativo. Escludo che questa delibera apra alla possibilità di matrimoni gay: per avere i matrimoni gay servirebbe una legge del Parlamento.

Milano: approvato il registro delle unioni civili

E prosegue:

Oggi abbiamo fatto un passo avanti nella direzione di una città più giusta. Abbiamo ridotto molto lo spread dei diritti civili che avevamo con molte città europee. Da domani uomini e donne che si vogliono bene saranno più felici: di questo io sono felice.

Dal canto suo Marco Mori, presidente di Arcigay Milano, chiosa:

D’ora in poi nelle delibere comunali saranno parificate a chi è sposato. Anche le coppie gay. C’è voluto più tempo del previsto, ma il voto di questa notte è un segnale importante.

Il primo registro per le unioni civili in Italia venne approvato nel 1993 a Empoli, in provincia di Firenze. Ora dopo quasi vent'anni anche Milano lo approva. Nel frattempo, con buona pace di tutti i complottisti, il sole ha continuato a baciare la nostra Penisola e non ci sono state tutte quelle derive morali che taluni annunciavano o frotte di poligami che ecclesiastici vedevano. Solo una maggiore parità. In attesa di averla completa.

Foto | © TM News

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: