Coppia lesbica aggredita a Londra: "Volevano che ci baciassimo davanti a loro"

Aggressione omofoba e misogina su un autobus notturno.

Coppia lesbica aggredita a Londra

Ha fatto molto scalpore un post pubblicato da una ragazza spagnola che vive a Londra e lavoro come hostess per Ryanair e che è stata vittima, assieme alla sua fidanzata, di una aggressione omofoba e misogina molto cruenta a bordo di un autobus notturno da parte di quattro uomini che poi, dopo averle picchiate a sangue, le hanno anche derubate.

Melania ha raccontato su Facebook che lei e la sua fidanzata Chris mercoledì scorso sono uscite e stavano tornando verso casa di Chris a Camden Town a bordo di un bus notturno, erano salite al piano superiore e si erano sedute nei sedili anteriori. A un certo punto quattro uomini, di età compresa tra i 20 e 30 anni, hanno cominciato a importunarle dopo aver capito che erano una coppia. Le due ragazze non ricordano bene se si erano scambiate qualche effusione, qualche gesto abituale in una coppia come un bacio o una carezza, fatto sta che i quattro hanno preteso che si baciassero davanti a loro, hanno anche gettato loro delle monete.

Le due ragazze hanno provato prima a rispondere con delle battute, per cercare di smorzare la tensione, poi Chris ha finto di non sentirsi bene, per vedere se almeno così le lasciavano in pace, ma a un certo punto Melania ha visto che Chris era accerchiata e che avevano cominciato a picchiarla, allora si è gettata nella mischia per aiutare la sua fidanzata, ma hanno picchiato anche lei. Le due ragazze sono state picchiate selvaggiamente e molto probabilmente hanno perso coscienza per qualche minuto, perché poi ricordano solo il proprio sangue e l'aiuto della polizia che nel frattempo era accorsa, ma la loro roba non c'era più perché i quattro le avevano anche derubate.

La foto postata da Melania ha fatto il giro del mondo ed è stata condivisa migliaia di volte, perché esprime con una sola immagine il dolore, la paura e la sofferenza che hanno provato senza avere alcuna colpa, solo perché omofobi e misogini sono liberi di andare in giro a incutere terrore e ha spaventare e picchiare due ragazze.

Melania ha anche scritto di essere stufa di essere considerata come un oggetto sessuale e vedere giorno dopo giorno che situazioni come questa sono ancora molto frequenti e che tanti suoi amici gay vengono picchiati. Ha anche aggiunto che spera che in questo mese di giugno, che è il mese del Pride 2019, si possa parlare liberamente di episodi come questi e fare qualcosa di concreto affinché smettano di verificarsi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail