Calabria, prenotano una casa vacanze a Vibo Valentia: “Non accettiamo gay e animali”

casa-vacanze-ciufo.jpg

Importante e mi scuso se posso sembrare troglodita. Non accettiamo gay e animali.

É questa l’aberrante frase che, nel 2017, si sono visti scrivere due ragazzi dopo aver affittato una casa vacanze per trascorrere qualche giorno al mare in Calabria. La Casa Vacanze Ciufo a Santa Maria alle porte di Vibo Valentia, per la precisione, come denunciato in queste ore da ArciGay Napoli, che ha raccolto la testimonianza dei due ragazzi.

I due avevano trovato il piccolo alloggio attraverso il portale Booking.com e dopo aver effettuato la prenotazione hanno deciso di prendere contatti diretti col proprietario dell’alloggio. Ed è stato in quel momento, via WhatsApp, che l’uomo ha fornito ai giovani maggiori dettagli, precisando il divieto di accesso a “gay e animali”.

I due hanno prontamente cancellato la prenotazione e si sono rivolti ad Arcigay Napoli per denunciare l’accaduto:

Quando ho letto questo messaggio mi è cascato un silos di acqua gelata addosso. Nella mia mente si è materializzata l’immagine drammaticamente famosa dei cartelli nazisti esposti fuori ai negozi , con i quali si proibiva l’ingresso ai cani e agli ebrei. Ma da allora sono passati settanta anni e questa storia non può essere ignorata.

Con una nota sul proprio sito ufficiale, il Comitato Provinciale Arcigay di Napoli “esprime profonda solidarietà a Gennaro Casalino e al suo compagno e chiede l’esclusione della Casa Vacanza Ciufo di Santa Maria dal sito www.booking.com e da tutti i siti di prenotazione turistica che non vogliano – nel 2017 – rinnovare logiche commerciali razziste e antidemocratiche. Ci auguriamo inoltre un intervento deciso da parte del Comune di Vibo, della regione Calabria e delle autorità predisposte alla vigilanza e al contrasto alle discriminazioni”.

20264630_762150217300734_6649690950719209786_n.jpg

Via | Arcigay Napoli

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 854 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO