YouTube risponde alle accuse di censura dei video LGBTQ

In queste ultime ore YouTube è finito al centro di una piccola bufera legata alla comunità LGBT quando la youtuber Rowan Ellis si è resa conto che accedendo al servizio nella Modalità Con Restrizioni - attivabile tra le impostazioni in fondo all’homepage di YouTube - i contenuti legati al gender e alla sessualità possono venir segnalati come inappropriati.

La polemica è montata nell’arco di pochissime - si è scoperto, tra l’altro, che oltre ai molti video legati all’universo LGBT a venir considerati come inappropriati sono stati anche video di Taylor Swift, Katy Perry e dei 5 Seconds of Summer - al punto da spingere YouTube a un chiarimento:

Siamo orgogliosi di rappresentare le voci LGBTQ+ sulla nostra piattaforma, sono una parte importante di ciò che YouTbe è. Lo scopo della Modalità Con Restrizioni è quello di filtrare i contenuti per adulti per quei gruppi di utenti che vogliono un’esperienza più limitata. I video LGBTQ+ sono disponibili nella Modalità Con Restrizioni, ma i video che discutono temi più sensibili possono non esserlo. Ci scusiamo per la possibile confusione che questo può aver creato e approfondiremo le vostre preoccupazioni.

Il filtro di YouTube non è gestito da persone in carne ed ossa, ma da un algoritmo - o una serie di algoritmi - che si basano su una serie di elementi. Non è quindi raro che un algoritmo “prenda decisioni” in grado di creare malcontento e fastidio, ma la rapidità della replica da parte di YouTube lascia piacevolmente sorpresi.

youtube.jpg

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO