USA, il 40% delle persone transgender ha tentato il suicidio

L’omofobia e la discriminazione sono ancora molto forti negli Stati Uniti e, nonostante i molti progressi fatti in questi ultimi anni, è ancora lontano il giorno il cui la comunità LGBT potrà condurre una vita lontana dai pregiudizi e dalle discriminazioni. Le persone transgender, purtroppo, sono tra le più discriminate e secondo un sondaggio pubblicato di recente, il tasso di tentati suicidi tra di loro è davvero molto alto.

Lo riferisce lo studio condotto negli Stati Uniti dal National Centre for Transgender Equality, che ha intervistato 17.715 persone transgender. Il 40% di queste persone, secondo lo studio, avrebbe tentato il suicidio almeno una volta nel corso della propria vita. E i motivi sarebbero molteplici.

Il 14% degli intervistati ha raccontato di esser stato costretto dalla famiglia e visitare degli specialisti, subito dopo il coming out, nel tentativo di evitare il percorso di transizione. Il 10% è stato vittima di violenza domestica e l’8% è stato cacciato di casa proprio perché transgender.

Tra i gravi problemi con cui alcune persone transgender devono fare i conti negli Stati Uniti c’è la povertà: il tasso di disoccupazione tra gli intervistati è del 15% e circa un terzo del campione ha rivelato di vivere al di sotto della soglia di povertà.

Potete leggere il rapporto completo, in lingua inglese, a questo indirizzo.

bandiera-lgbt.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO