Napoli, il Tribunale dichiara trascrivibile l’atto di nascita del bimbo con due mamme

caso-piccolo-ruben-01.jpg

Sentenza storica del Tribunale di Napoli, che ha dichiarato oggi trascrivibile integralmente in Italia il certificato di nascita del piccolo Ruben, il bimbo nato in Spagna da una donna due donne sposate, Daniela Conte e Marta Loi.

Il caso aveva ottenuto un certo risalto nei mesi scorsi, quando il sindaco di Napoli Luigi De Magistris aveva riconosciuto il bimbo, nato il 3 agosto 2015 a Barcellona, come figlio di due donne e lo aveva registrato all’anagrafe del comune. Poco meno di un mese dopo, però, il Prefetto di Napoli Gerarda Pantalone aveva deciso di annullare quell’atto di nascita, sostenendo come in Italia fossero validi “solo i matrimoni tra persone di sesso differente”.

Ora, a poco più di un anno dal quel dietrofront, sulla vicenda si è espresso il Tribunale di Napoli, che non ha soltanto dichiarato trascrivibile integralmente quel certificato, ma ha anche stabilito che l’indicazione di entrambe le donne come genitori e l’attribuzione al bambino del loro cognome non contrasta in alcun modo con l’ordine pubblico.

A celebrare per questa vittoria sono stati gli avvocati di Rete Lenford, che hanno seguito il caso e dato supporto alle due mamme:

È il primo caso in Italia in cui si riconosce la trascrivibilità integrale dell’atto di nascita di un bambino, figlio di una coppia formata da persone dello stesso sesso, in cui uno dei genitori non ha alcun legame né biologico né genetico con il minore. In questo modo, si va oltre il caso deciso di recente dalla Corte di Cassazione (Cass. 19599/2016), in cui le donne avevano un legame con il bambino, biologico, una, e genetico, l’altra.

A parlare è l’avvocato Vincenzo Miri, a cui hanno fatto seguito le parole del collega Antonio Rotelli:

In un Paese come l’Italia in cui sembra impossibile parlare serenamente di matrimonio tra persone dello stesso sesso, è un sollievo notare come per i magistrati sia chiara l’incidenza della cittadinanza europea in casi come questi. È, infatti, alla luce dei principi dell’ordinamento europeo e principalmente della tutela del minore che i giudici riconoscono rilevanza al rapporto di coniugio tra le due donne, legalmente costituito in Spagna.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO