Russia, il partito di Putin vuole bandire FIFA 17: “Fa propaganda gay”

L’omofoba Russia torna a fare notizia per questioni legati all’universo LGBT, confermando ancora una volta la chiusura mentale dei politici che la guidano, a cominciare dal Presidente Vladimir Putin. Alcuni parlamentari del suo partito, Russia Unita, hanno chiesto all’organo statale che vigila sulle comunicazioni di prendere azioni contro il videogioco FIFA 17 perché violerebbe la legge contro la propaganda gay.

Il motivo è presto detto. EA Sports ha lanciato una campagna in UK invitando tutti i giocatori inglese della premier league a supportare l'iniziativa LGBT Rainbow Laces avviata il mese scorso in collaborazione con gli attivisti di Stonewall.

Come parte della campagna, a cui stanno aderendo le principali squadre di calcio inglesi, EA Sports ha invitato i giocatori di FIFA 17 a scaricare le uniformi coi colori dell’arcobaleno per i giocatori virtuali delle proprie squadre. E questo, secondo i russi, sarebbe “propaganda gay”, vietata su tutto il territorio russo dal 2013.

Tra i sostenitori di questa follia c’è Irina Rodnina, che ha chiesto alle autorità russe di “verificare la possibilità di distribuire questo giorno sul territorio della Federazione Russa”. Al momento non è stato disposto alcun provvedimento di censura, ma la situazione potrebbe cambiare nel corso delle prossime ore.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 9 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO