USA, fa causa alla figlia 17enne transgender: “Transizione senza il mio consenso”

bandiera-lgbt.jpg

Una donna residente in Minnesota, Anmarie Calgaro, sta conquistando le prime pagine dei quotidiani statunitensi più conservatori per avere iniziato una battaglia legale contro la figlia, una ragazza transgender di 17 anni, colpevole a suo dire di aver iniziato il proprio percorso di transizione senza la sua autorizzazione.

L’adolescente vive da anni lontana da sua madre e non ha più contatti con lei ormai da tempo. Questo, secondo la Legge in vigore in Minnesota, è sufficiente per decidere della propria vita senza dover consultare i genitori. Si legge, infatti:

Un minore che vive lontano dai genitori ed è economicamente indipendente può fare l’effettivo consenso al servizio sanitario senza che sia necessario il consenso di altre persone.

E così la giovane ha fatto. Supportata anche dalla scuola e dalla contea in cui risiede, la 17enne ha chiesto l’aiuto di due diverse organizzazioni no-profit locali che si occupano anche di assistenza sanitaria e grazie a loro ha cominciato la terapia ormonale che le permetterà di iniziare a lasciarsi alle spalle quel corpo maschile in cui non si è mai riconosciuta.

L’omofoba Calgaro, dopo aver scoperto a distanza di tempo quando era accaduto, ha sentito l’odore dei soldi e ha deciso di intentare una serie di cause: contro la figlia, contro la contea, contro il distretto scolastico e contro le due organizzazioni no-profit che hanno aiutato la figlia.

Mi è stato fatto sapere che mio figlio ha iniziato i trattamenti ormonali dal Park Nicollet Health Services per passare da uomo a donna e che l’assistenza sanitaria sta pagando per questo. Io non sono stata consultata o informata in alcun modo.

C’è una buona probabilità che la questione si chiuda in un nulla di fatto, considerando anche che tutto è stato fatto seguendo la legge, ma la vicenda sta comunque avendo un certo risalto mediatico, soprattuto perché Anmarie Calgaro è assistita dalla Thomas More Society, un studio legale noto per le sue battaglie contro l’aborto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail