I Paesi in cui l’omosessualità è ancora illegale nel 2016: Iran

I Paesi e le entità politiche indipendenti in cui nel 2016 l’omosessualità viene ancora criminalizzata sono ben 76 e in 13 di questi, secondo i dati dell’International Lesbian, Gay, Bisexual, Trans and Intersex Association (ILGA) è prevista la pena di morte: Sudan, Iran, Arabia Saudita, Yemen, Nigeria (12 Stati a nord del Paese), Somalia (alcune parti a sud del Paese), Mauritania, Afghanistan, Pakistan, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Iraq e Daesh (i territori di Siria e Iraq in mano allo Stato Islamico).

Oggi andiamo a vedere nel dettaglio la situazione in Iran, dove la pena di morte per i reati di sodomia è ancora presente e viene applicata, anche se non sono disponibili statistiche certe. L’ultimo rapporto di Amnesty International ha confermato diverse esecuzioni compiute nel corso del 2015, ma non è chiaro quante di queste fossero legate ad atti omosessuali:

Le autorità continuano ad utilizzare ampiamente la pena di morte e hanno condotto numerose esecuzioni, incluse quelle di giovani trasgressori. […] I tribunali stabiliscono numerose condanne a morte, spesso dopo processi scorretti e anche per reati legati alla droga che non vengono riconosciuti come gravi dalla legge internazionale.

A stabilire i reati legati all’omosessualità, sia maschile che femminile, è il Codice Penale Islamico dell'Iran, in vigore dal 1991. Ecco gli articoli che ne se occupano:

PARTE 2: PUNIZIONE PER LA SODOMIA
Capitolo 1: definizione di sodomia

Articolo 108: la sodomia è un rapporto sessuale con un uomo
Articolo 109: in caso di sodomia sia la persona attiva che la persona passiva saranno condannate per il loro crimine
Articolo 110: la pena per la sodomia è l’uccisione. Il giudice della Sharia decide come portare a termine l’uccisione.
Articolo 111: la sodomia prevede l’uccisione se entrambe le parti sono adulte, capaci di intendere e di volere e hanno libertà di pensiero.
Articolo 112: se un uomo adulto capace di intendere e di volere ha un rapporto sessuale con una persona immatura, l’attivo verrà ucciso e il passivo sarà soggetto a 74 frustate se non è stato costretto al rapporto.
Articolo 113: se una persona immatura compie un atto sessuale con un altro immaturo, entrambi saranno soggetti a 74 frustate a meno che uno dei due fosse stato obbligato al rapporto.

Capitolo 2: modi per stabilire la sodomia in tribunale

Articolo 114: confessando dopo quattro frustate di aver commesso sodomia, la pena per chi ha fatto la confessione viene stabilita.
Articolo 115: una confessione fatta prima di ricevere quattro frustate (di aver commesso sodomia) non prevede la detenzione, ma chi ha confessato sarà soggetto a pene inferiori.
Articolo 116: una confessione è valida solo che chi la fa è adulto, capace di intendere e di volere e ha libertà di pensiero.
Articolo 117: la sodomia viene provata dalla testimonianza di quattro uomini virtuosi che possono aver assistito.
Articolo 118: se meno di quattro uomini virtuosi testimoniano, la sodomia non è accertata e i testimoni devono essere condannati per accuse calunniose
Articolo 119: la testimonianza di donne solo o accompagnate da un uomo non prova la sodomia.
Articolo 120: il giudice della Sharia può agire in base alla propria conoscenza, derivata attraverso i metodi abituali.
Articolo 121: la pena per Tafhiz (lo strofinamento delle cosce o dei glutei) e simili commessa da due uomini senza vincolo tra di loro deve essere punita con 100 frustate ciascuno.
Articolo 122: se il Tafhiz o simili vengono ripetuti tre volte la pena viene aumentata dopo ogni volta, la pena per la quarta volta sarà la morte.
Articolo 123: se due uomini non imparentati sono nudi sotto una coperta senza alcuna necessità, entrambi saranno soggetti a una pena massima di 99 frustate.
Articolo 124: se qualcuno bacia un altro con lussuria, lui sarà soggetto a 60 frustate.
Articolo 125: se una persona che ha commesso Tafhiz o un uomo omosessuale si pente prima che qualcuno testimoni, la sua pena verrà annullata. se si pente dopo che è stata data la testimonianza, la sua pena non verrà annullata.
Articolo 126: se la sodomia o Tafhiz vengono provati da una confessione e se c’è pentimento, il giudice può richiedere al leader di graziarlo.

PARTE 3: LESBISMO

Articolo 127: Mosaheqeh (lesbismo) è l’omosessualità delle donne.
Articolo 128: i modi per provare il lesbismo in tribunale sono gli stessi in cui è provata l’omosessualità degli uomini
Articolo 129: la pena per il lesbismo è di 100 frustate
Articolo 130: la pena per il lesbismo verrà stabilita vis-à-vis se la persona è matura e capace di intendere e di volere. Nota: nella pena per il lesbismo non ci sarà distinzione tra chi fa e chi riceve così come tra musulmano e non musulmano.
Articolo 131: se l’atto di lesbismo viene ripetute tre volte, la pena sarà aumentata dopo ogni volta. La pena di morte sarà emessa dopo la quarta volta.
Articolo 132: se una lesbica si pente prima che sia data la testimonianza, la pena verrà annullata. se lo fa dopo la testimonianza, la pena non verrà annullata.
Articolo 133: se l’atto di lesbismo è provata con la confessione di chi l’ha commesso e se c’è pentimento, il giudice può chiedere al leader di concedere la grazia.
Articolo 134: se due donne non legate da un vincolo di sangue sono nude sono una coperta senza che sia necessario, entrambe saranno punite con meno di 100 frustate. In caso di ripetizione e di ripetizione della pena, 100 frustate saranno imposte la terza volta.

Questo è ciò che prevede il Codice Penale Islamico dell’Iran, datato 1991 e consultabile integralmente, in lingua inglese, a questo indirizzo. Il codice è stato aggiornato nel 2012, ma nulla è stato cambiato nella parte che abbiamo preso in analisi oggi, gli articoli dal 108 al 134.

NEW YORK, NY - SEPTEMBER 28: President of Iran Hassan Rouhani addresses the United Nations General Assembly at U.N. headquarters on September 28, 2015 in New York City. The ongoing war in Syria and the refugee crisis it has spawned are playing a backdrop to this years 70th annual General Assembly meeting of global leaders.  (Photo by Spencer Platt/Getty Images)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail