Elizabeth Gilbert, l’autrice di “Mangia, Prega, Ama” fa coming out

La scrittrice statunitense Elizabeth Gilbert, autrice del best-seller Mangia, prega, ama - Una donna cerca la felicità, ha fatto coming out con un lungo post su Facebook, raccontando di essere innamorata della sua migliore amica, Rayya Elias, malata di cancro ormai da qualche mese.

Le due donne hanno deciso insieme di rendere il tutto pubblico e di voler affrontare il difficile percorso della malattia senza doversi più nascondere:

C’è qualcosa che voglio dirvi oggi, qualcosa che spero accoglierete con affetto.
La scorsa primavera ho ricevuto la notizia che mi ha cambiato la vita. Alla mia migliore amica Rayya Elias è stato diagnosticato un tumore al pancreas e al fegato, una malattia per cui non c’è cura.
Nel momento in cui ho scoperto la diagnosi, una botola si è aperta in fondo al mio cuore - una botola che non sapevo esistesse) e la mia intera esistenza è precipitata in quella botola. Da quel momento in poi tutto è stato incentrato su di lei. Ho cancellato dalla mia vita tutto quello che poteva essere cancellato e sono corsa al suo fianco, dove sono sempre stata.
Molti di voi sanno già cosa significa Rayya Elias per me. É la mia migliore amica, sì, ma è sempre stata molto più di questo. É il mio modello di vita, la mia compagna di viaggio, la mia fonte di luce, la mia fortezza e la mia più fidata confidente. Per farla breve, è LA PERSONA!

E, ancora:

La morte - o la prospettiva della morte - riesce a mandare via tutto ciò che non è reale e io mi sono trovata davanti alla verità: non solo amo Rayya. Sono innamorata di Rayya. E non c’è più tempo per negare questa verità. […] Per quelli di voi che stanno facendo i conti e che si stanno chiedendo se il mio matrimonio è finito questa primavera a causa di questo, la risposta semplice è sì. […] Quindi eccoci qui: io e Rayya stiamo insieme. Io la amo e lei ama me. Sto affrontando con lei questo viaggio, non solo come un’amica, ma come una partner.

Elizabeth Gilbert ha spiegato di aver deciso di rendere pubblica la cosa perché intende passare tutto il tempo che potrà insieme a Rayya e vivere pubblicamente insieme la loro vita e la loro storia - “la verità e la trasparenza non solo rendono la mia vita più etica, ma anche più semplice” - senza bugie o finte verità, affrontando a testa alta la malattia che ha colpito la sua compagna:

Per la mia integrità e la mia sanità, devo poter essere libera di entrare in una qualsiasi stanza del Mondo con Rayya al mio fianco, sentendomi rilassata al punto da essere a mio agio e non dover nascondere cosa proviamo l’una per l’altra. […] Potrei fingere che Rayya sia ancora solo la mia migliore amica, ma questo vorrebbe dire fingere. Fingere è umiliante e ti rende più debole e confuso e richiede anche molto lavoro. Non voglio più fare quel tipo di lavoro.

Di seguito potete leggere il toccante testo integrale pubblicato dall'autrice sulla propria pagina Facebook:

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail