UK, neutralità di genere per le divise scolastiche: gonne e pantaloni per chiunque

divisa-scuola-uk.jpg

Ottanta istituzioni statali in Inghilterra, incluse 40 scuole primarie, hanno abbracciato una nuova politica per le uniformi scolastiche basata sulla neutralità di genere al fine di evitare ogni forma di discriminazione e dare un supporto ai giovanissimi che si trovano a mettere in discussione la propria identità di genere.

Eliminando ogni riferimento al genere nel codice d’abbigliamento o arrivando a riscrivere le politiche legate alle uniformi a scuola, queste 80 scuole permettono di fatto a chiunque di indossare gonne o pantaloni indipendentemente dal genere di nascita. Se un giovane transessuale si sente a proprio agio indossando una divisa con la gonna, sarà libero di farlo e sarà tutelato per questo.

Ad inaugurare la novità ci ha pensato la prestigiosa Allens Croft School di Birmingham, che dopo aver ricevuto oltre 200 mila sterline di finanziamento dal Dipartimento dell’Educazione, non ha soltanto introdotto la nuova politica, ma ha anche attivato dei corsi per lo staff finalizzati a conoscere e capire la diversità.

Il Brighton College, invece, ha deciso di continuare con le due diverse divise - quella storicamente riconosciuta come maschile e quella femminile - ma di dare a tutti la possibilità di scegliere quale indossare. Il preside dell’istituto, Richard Cairns, ha spiegato:

Questo cambiamento segue le richieste di un gruppo ristretto di famiglie. Credo fermamente che i giovani dovrebbero rispettare chi sono. Se alcuni ragazzi o ragazze sono felici di identificarsi con un genere diverso da quello in cui sono nati, allora il mio lavoro è renderlo possibile. Il mio unico interesse è il loro benessere e la loro felicità.

Un cambiamento storico che conferma ancora una volta come l’Inghilterra sia attenta alle esigenze della comunità LGBT e al rispetto dei diritti di tutti i cittadini, e un esempio che molti altri Paesi e molte altre scuole dovrebbero seguire quanto prima. In questo modo non si tutela soltanto i giovani transessuali o chiunque non si identifichi con uno dei due generi convenzionali, ma si educano anche tutti gli altri al rispetto.

Via | Independent

  • shares
  • +1
  • Mail