Messico, il presidente Enrique Peña Nieto punta al matrimonio egualitario

Il Presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, in carica dal 2012, ha annunciato ieri di aver firmato una proposta di riforma per introdurre nel Paese il matrimonio egualitario, “riconoscendo a tutti il diritti di sposarsi senza alcuna forma di discriminazione”.

Il Messico, tradizionalmente conservatore, ha già fatto passi da gigante in questi ultimi anni, basti pensare alla sentenza della Corte Suprema che lo scorso anno ha di fatto dichiarato incostituzionale il divieto per i matrimoni tra persone dello stesso sesso.

Nonostante questo, però, molte legislature locali sono rimaste invariate e di fatto le unioni tra persone dello stesso sesso restano vietate in alcuni Stati. Non è il caso, invece, di Città Del Messico o degli Stati di Coahuila, Quintana Roo, Jalisco, Nayarit, Chihuahua e Sonora, dove i matrimoni LGBT sono permessi. Manca, quindi, quell’unità nazionale che gli Stati Uniti d’America sono invece riusciti a ottenere dopo la storia sentenza della Corte Suprema.

Per il Messico non è stato così e ora il Presidente sta cercando di correre ai ripari e di portare l’intero Paese nel presente dei diritti LGBT. Quella di Enrique Peña Nieto è una proposta che dovrà ovviamente passare per il Congresso, quindi al momento non è possibile fare previsioni su quale sarà il suo futuro.


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO