Arcigay querela per diffamazione Massimo Gandolfini, organizzatore del Family Day

Massimo Gandolfini, portavoce del comitato "Difendiamo i nostri figli" e organizzatore del Family Day, è solito rilasciare dichiarazioni sopra le righe, così come fanno gli altri sostenitori della cosiddetta famiglia tradizionale che spesso non hanno materiale a cui appigliarsi. E così, nel corso di alcuni incontri pubblici documentati su YouTube, Gandolfini avrebbe parlato di Arcigay, la principale associazione LGBT in Italia, come di un’organizzazione che approverebbe la pedofilia tra le identità di genere.

Arcigay, davanti a un’accusa così pesante, ha preso provvedimenti e oggi ha annunciato di aver querelato Massimo Gandolfini per diffamazione. E’ la stessa associazione a spiegare cosa è accaduto:

In ognuno dei casi presi in considerazione, il prof. Gandolfini, intervenendo come relatore sul cosiddetto "tema dell'ideologia gender", dapprima ha mostrato al pubblico una diapositiva intitolata "Sesso e Genere: due concetti non più coincidenti" che riporta in basso "Sesso fluido: 58 generi, valutando tra essi anche la pedofilia", cui segue il riferimento a un articolo pubblicato lo scorso 4 luglio 2014 da un importante quotidiano nazionale. L'articolo in questione racconta dell'introduzione nel social network Facebook di 58 termini per descrivere il genere, operazione per la quale Facebook italia, come correttamente riferisce la cronista, si è avvalsa della consulenza di Arcigay. Ma l'oratore travisa evidentemente il contenuto dell'articolo. Innanzitutto ne declama l'intestazione: "da oggi il social network permette di optare tra 58 identità diverse. Tutte approvate da Arcigay, inclusa una destinata a suscitare dibattiti". Nel titolo e nel testo dell'articolo si chiarisce senza ambiguità alcuna che la categoria "destinata a suscitare dibattiti" è quella del femminiello, identità tipica della tradizione napoletana. Ma Gandolfini al suo pubblico dice che la categoria in questione, approvata da Arcigay, sarebbe la pedofilia.

A presentare la querela ci ha pensato Flavio Romani, presidente di Arcigay, che ha così commentato la vicenda:

Quando sono venuto a conoscenza della circostanza ho deciso di querelare il professor Gandolfini perché ritengo che le sue parole infanghino in maniera irricevibile ed estremamente grave la storia, il buon nome e le persone di cui è fatta Arcigay. Accostare la nostra associazione alla pedofilia offende nel profondo tutti i nostri iscritti e mette in cattiva luce il senso del lavoro che quotidianamente, da più di trent'anni, portiamo avanti in questo Paese per abbattere il pregiudizio e la discriminazione nei confronti delle persone gay, lesbiche e trans. Come Presidente di Arcigay non ho alcuna intenzione di tollerare le gravi e false affermazioni che Gandolfini ha fatto e reiterato più volte nell'ambito delle numerose conferenze sulla cosiddetta ideologia gender. Con le sue parole il professor Gandolfini ha provocato uno sfregio insanabile all'immagine di Arcigay e procurato incalcolabili danni al nostro lavoro. La pedofilia è un reato che giustamente prevede punizioni pesanti, ma è prima di tutto una pratica aberrante che si accanisce su chi è più indifeso, provocando spesso traumi irreparabili. Il professor Gandolfini ha più volte affermato e fatto credere che Arcigay "approvasse" la pedofilia, e di questo dovrà rendere conto all'Autorità Giudiziaria.

flavio-romani.jpg

Foto | Facebook

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO