UE, il Consiglio d’Europa boccia la relazione a favore della maternità surrogata

petra-de-sutter.jpg

Ieri, martedì 15 marzo 2016, la Commissione Affari Sociali del Consiglio d'Europa ha respinto con 16 voti contro 14 la relazione della senatrice e ginecologa belga Petra De Sutter che proponeva la legalizzazione della maternità surrogata nei 47 Stati membri dell’Unione Europea.

Il no alla relazione Diritti umani e problemi etici legati alla surrogacy è arrivato davvero per un pochissimi voti, a cominciare da quelli delle deputate italiane Eleonora Cimbro e Maria Teresa Bertuzzi, che si sono battute fino all’ultimo per evitare il passaggio della relazione, primo passo verso un cambiamento storico che, a questo punto, non ci sarà.

La senatrice Bertuzzi, intervistata dal Corriere Della Sera, ha dichiarato:

É stata una giornata faticosissima perché la prima parte della relazione era condivisibile visto che evidenziava le violazioni dei diritti umani e i rischi che correvano tutti i soggetti coinvolti ma poi arrivava in pratica a consigliare una legalizzazione della pratica in Europa con la scusa che altrimenti si favoriva il mercato nero.

E, ancora:

Il rapporto De Sutter sulla maternità surrogata non è passato per un voto. Il fenomeno esiste ma non va regolamentato, bensì contrastato. Apprezzo il lavoro fatto dalla relatrice nell’affrontare una tematica così delicata e complessa, ma la via maestra deve essere quella del contrasto culturale.

consiglio-europa.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail