Dustin Lance Black contro Sam Smith agli Oscar: polemica finita?

Si chiude a suon di tweet la polemica sollevata da Dustin Lance Black contro Sam Smith, vincitore del premio Oscar per la migliore canzone originale.

A poche ore dalla conclusione della cerimonia di premiazione degli Oscar 2016 si è placata anche la piccola polemica legata al discorso di Sam Smith, vincitore del premio Oscar per la miglior canzone originale con Writing's on the Wall, canzone principale del film Spectre.

Il giovanissimo cantautore britannico, evidentemente emozionato, aveva frainteso le parole di Ian McKellen - “Non hanno mai premiato attori apertamente gay" - e al momento del discorso aveva azzardato

Qualche mese fa ho letto un articolo di Ian McKellen, diceva che nessuno apertamente gay ha mai vinto un Oscar. E se questo è il caso, anche se non lo fosse, voglio dedicare il premio alla comunità LGBT di tutto il Mondo.

McKellen si riferiva chiaramente alla categoria Miglior Attore, ma l’emozione ha giocato un brutto scherzo a Sam Smith, che a conti fatti non è la prima persona apertamente gay a ricevere un Oscar. Anzi, è la 12esima da quando questi prestigiosi premi sono stati istituiti.

La questione sarebbe finita lì, se non fosse che Dustin Lance Black, premiato nel 2009 per la miglior sceneggiatura originale del film Milk, ha deciso di puntualizzare su Twitter, arrivando a chiedere al giovane cantautore di smettere di inviare messaggi al suo fidanzato, il nuotatore Tom Daley:


Caro Sam Smith, se non hai idea di chi sono, forse è il momento di smettere di inviare messaggi al mio fidanzato.

Con un pizzico di acidità, forse più per lo scambio di messaggi con Daley che per la svista in diretta mondiale, lo sceneggiatore ha messo i puntini sulle “i”, per poi precisare:

Conoscere la storia LGBTQ è importante. Viviamo sulle spalle di innumerevoli e coraggiosi uomini e donne che ci hanno spianato la strada.

E, a proposito di quei messaggi, ha spiegato:

Caro Internet, Tom Daley e Sam Smith sono amici. Si mandano dei messaggi. Da qui la mia sorpresa quando Sam mi ha scambiato per uno non dichiarato. Sentitevi liberi di farvi una risata.

La catfight virtuale si è conclusa con la precisazione di Sam Smith:

Secondo uomo apertamente gay a vincere un Oscar o terzo o quarto o centesimo, non è era quello il punto. Il punto era dare visibilità alla comunità LGBT che amo così tanto.



Poi le scuse a Dustin Lance Black:


Possiamo finirla qui?

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO