A Gabriel Garko non dispiace essere un'icona gay

A Sanremo Gabriel Garko ha affrontato le domande dei giornalisti. Ecco cosa l'attore ha risposto.

Non vi sono dubbi che Gabriel Garko sia uno dei volti più noti ed amati del piccolo e grande schermo. Il suo fascino, si sa, ha sedotto indistintamente uomini e donne, alimentando anche il pettegolezzo, l’aneddoto piccante, le voci di una sua presunta bisessualità. Oggi, dopo il crollo nei giorni scorsi della villa che l’ospitava a Sanremo e le preoccupazioni inevitabili sul suo stato di salute, l’attore piemontese ha affrontato con la sua solita irresistibile nonchalance non solo i flash dei fotografi ma anche le inevitabili domande dei giornalisti. Immancabile (naturalmente) anche la domanda sul suo status di icona gay a cui l’attore ha replicato in modo del tutto diplomatico:

"Sono consapevole di essere un sex symbol, anche se la gente che mi conosce sa come sono. So che devo essere sognato e desiderato da più persone: se devo essere desiderato da un uomo che, per desiderarmi, ha bisogno di pensare che sono gay, va benissimo. Lo stesso vale se vuole sognarmi una signora di 60 anni".

Il divo si è poi anche schierato a favore delle unioni civili, sottolineando come due persone maggiorenni e consenzienti debbano essere libere di fare quello che vogliono. Parole indubbiamente sante.

Via | Ansa

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

0 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO