Unioni Civili, la bufala dell’illuminazione arcobaleno a Piazza del Plebiscito a Napoli

piazza-del-plebiscito-napoli-rainbow.jpg

Nelle stesse ore in cui la Regione Lombardia prendeva una posizione netta contro le Unioni Civili, scrivendo Family Day con le luci sulla facciata del famoso Pirellone a Milano, è partita la condivisione selvaggia di quella che viene fatta passare per la risposta della città di Napoli, con Piazza del Plebiscito illuminata con i colori dell’arcobaleno, ormai legati indissolubilmente alla comunità LGBT.

La frenesia della condivisione, fomentata anche da personaggi pubblici come Fiorella Mannoia e Saturnino, non ha portato i condivisori selvaggi a fare le dovute verifiche. Sì, è vero che Piazza del Plebiscito a Napoli è stata illuminata con i colori dell’arcobaleno, ma questo non è stato fatto ieri sera né, soprattutto, per dare supporto alle Unioni Civili.

Napoli risponde.

Posted by Fiorella Mannoia on Saturday, January 23, 2016

La foto che sta circolando risale al 20 dicembre scorso, quando in occasione dell’evento National Flags and Anthems - organizzato per omaggiare gli Stati membri dell’Unione Europea attraverso le bandiere e gli Inni Nazionali - il colonnato di Piazza del Plebiscito è stato illuminato con faretti colorati per rappresentare le varie bandiere, compresa proprio quella rainbow.

Ecco un'altra foto condivisa su Facebook dal sindaco Luigi De Magistris il 4 gennaio:

Quindi, per quanto sarebbe stato bello che la città di Napoli avesse risposto a una presa di posizione così netta come quella della Regione Lombardia, dovremo accontentarci del fatto che oggi, 23 gennaio 2016, piazza Carità ospiterà centinaia di persone per la manifestazione #SvegliaItalia, come faranno altre cento città italiani ed europee. E, salvo passi indietro dell'ultimo minuto, stasera il famoso colonnato di Napoli dovrebbe riprendere i colori dell'arcobaleno, come chiesto dagli organizzatori della manifestazione.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 136 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO