USA, i gay potranno donare il sangue: rimosso il divieto dopo 32 anni

aids-stati-uniti.jpg

Gli Stati Uniti, dopo la Francia appena poche settimane fa, hanno deciso di rimuovere il divieto a vita di donare il sangue imposto per ben 32 anni ai cittadini gay, da quando l’emergenza AIDS era strettamente considerato legato al mondo omosessuale.

Ora che la situazione è cambiata, la Food and Drug Administration ha diffuso una nuova direttiva, eliminando il divieto a vita, ma ponendo la stessa condizioni già in imposta ai donatori gay nel Regno Uniti: chi vorrà donare il sangue potrà farlo solo dopo 12 mesi dall’ultimo rapporto sessuale con un altro uomo.

Peter Marks, vicepresidente della Fda, ha spiegato:

Nel rivedere le nostre politiche per contribuire a ridurre i rischi di trasmissione dell’Hiv tramite prodotti di sangue abbiamo rigorosamente esaminato diverse alternative e la finestra di attesa di 12 mesi è supportata dalle migliori evidenze scientifiche.

L’astinenza di 12 mesi vale anche per i bisessuali che hanno rapporti con uomini: solo dopo un anno dall’ultimo rapporto sessuale con un uomo prima di poter diventare donatore e aiutare così a salvare altre vite umane.

Gli eterosessuali che, invece, hanno una vita sessuale sregolata, potranno continuare a donare il sangue anche pochi minuti dopo l’ultima orgia. Questo, nel 2015 e con la piaga dell’AIDS ormai legata alla sfera sessuale e non più soltanto all’orientamento, non sembra essere una problema.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail