London Gay Pride 2012 a rischio per problemi economici

London Gay Pride 2012La mancanza di fondi ha obbligato gli organizzatori del London Gay Pride 2012 (che per quest'anno è anche World Pride) in programma a Londra sabato 7 luglio prossimo a operare dei tagli sui carri della sfilata così come anche sono state ridotte, o addirittura cancellate, alcune manifestazioni. Gli attivisti lgbt londinesi si sarebbero rivolti al sindaco, Boris Johnson, per cercare di mettere riparo a una situazione complicata.

Secondo gli organizzatori il budget previsto era di 309.000 euro ma i costi finali sono saliti a 414.000, soprattutto per poter garantire adeguate misure di sicurezza. Finora sono stati raccolti 278.000 euro il che ha obbligato l'organizzazione a fare dei tagli. Motivo di questa situazione sarebbe il ritiro di alcuni sponsor a seguito di una scarsa copertura mediatica.

Sono state lanciate delle campagne sia per la raccolta dei fondi - soprattutto presso le autorità che, a quanto pare, finora si sono tirate indietro – sia per denunciare l'accaduto (come la pagina Facebook intitolata Shame London in contrapposizione a Pride London).

Come ricorderete anche la Pride House di Londra – che doveva essere aperta durante i Giochi Olimipici per poter offrire ai visitatori un luogo di incontro e di informazione sulla comunità lgbt – è stata chiusa per mancanza di sponsor.

  • shares
  • +1
  • Mail