Celebrati i primi matrimoni gay in Portorico

Celebrati in Portorico (territorio non incorporato degli USA) i primi matrimoni tra persone dello stesso sesso: a dirsi sì sono state Yolanda Arroyo e Zulma Oliveras

Celebrati i primi matrimoni gay in Portorico

I matrimoni tra persone dello stesso sesso arrivano in Portorico, meno di un mese dopo la storica sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America (che ha giurisdizione sul Portorico) che ha considerato incostituzionale vietare il matrimonio ugualitario. Una delle prime nozze a essere celebrate è stata quella tra Yolanda Arroyo e Zulma Oliveras, una delle coppie dello stesso sesso che hanno fatto ricorso alla giustizia federale per vedere riconosciuto il loro diritto a sposarsi.

A ottobre dello scorso anno, il giudice federale portoricano Juan M. Pérez-Giménez stabiliva che la legge che vietava il matrimonio tra persone dello stesso sesso in Portorico era da considerarsi in linea con la Costituzione, ma le coppie dello stesso sesso che si erano rivolti a lui hanno fatto ricorso alla Corte federale di Appello del primo Circuito, sotto la cui giurisdizione cade il Portorico. La Corte, però, si rifiutò di aprire il procedimento, stabilendo che entro 14 giorni dalla decisione della Corte Suprema le parti avrebbero dovuto presentare le proprie domande. In pratica, si rinviava tutto alla decisione che la Corte Suprema stava per prendere. Dopo la sentenza del Tribunale Suprema, un comitato di tre giudici della Corte di Appello del 1 Circuito confermava all’unanimità che il divieto di matrimonio ugualitario in Portorico è contrario alla Costituzione degli Stati Uniti e il governatore Alejandro García Padilla ordinava all’amministrazione pubblica del Paese di intraprendere tutto l’iter per mettere a disposizione delle coppie dello stesso sesso le licenze matrimoniali a partire dal 13 luglio.

E così Yolanda Arroyo e Zulma Oliveras hanno potuto celebrare pubblicamente il proprio amore. Madrina del matrimonio è stata Ada Conde, avvocata e presidente della Fundación de Derechos Humanos de Puerto Rico, che ha fatto anche parte del gruppo di attivisti che ha denunciato il Portorico alla giustizia federale (nel suo caso, perché il Portorico non volle riconoscere il suo matrimonio con Ivonne Álvarez, celebrato nel Massachussetts nel 2004).

Congratulazione alle neospose e a tutte le coppie del Portorico che si sposeranno!


Via | El Nuevo Dia
Foto | Twitter

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: