Per Sergiy Stakhovsky non ci sono gay nel tennis, ma solo lesbiche

Sergiy Stakhovsky

Il tennista ucraino Sergiy Stakhovsky ha rilasciato un’intervista in cui parla del mondo del tennis e, tra le altre cose, dell’orientamento sessuale dei suoi colleghi dell’Association of Tennis Professionals (ATP) e delle sue colleghe della Women's Tennis Association (WTA). Secondo Sergiy Stakhovsky non ci sono tennisti omosessuali, mentre quasi la metà delle tenniste sono lesbiche, motivo per cui lui non vorrà che sua figlia impari a giocare a tennis:

Nell’ATP abbiamo un’atmosfera norma: è un circolo talmente chiuso che se ci fosse qualcosa lo sapremmo subito. Non ci metterei la mano sul fuoco per tutti i giocatori o per quelli nuovi che entrano, ma sono certo che nella top 100 non ci sono omosessuali.

Quando parla del circuito femminile, però, il suo punto di vista è un altro:

Nella WTA la metà delle giocatrici è lesbica è per questo non lascerei mai mia figlia giocare a tennis.

Le critiche alle affermazioni di Sergiy Stakhovsky non si sono fatte attendere: Martina Navratilova gli ha chiesto spiegazioni ma lui si è rifiutato di rispondere. Dal canto suo Stacey Allaster, CEO della WTA, ha chiosato:

È triste pensare che oggi giorno ci siano persone con una mentalità così ristretta che fanno commenti ironici sulle donne basandosi sul loro orientamento sessuale. Queste affermazioni sono il riflesso di un pensiero antico: sono molto fiera di tutte le tenniste che guardano avanti, trattando tutti nello stesso modo, come si dovrebbe fare nel XXI secolo.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 137 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO