Sport tra omofobia e accoglienza: Melanie Henique aggredita e Abby Wambach bacia sua moglie

In questi giorni ci sono state due notizie dal mondo dello sport che fanno riflettere sul suo rapporto con il mondo LGBT.

La squadra di calcio femminile degli USA ha vinto la Coppa del Mondo, battendo per 5 a 2 il Giappone. Per festeggiare l’attaccante della squadra USA, Abby Wambach, lesbica dichiarata, è corsa verso gli spalti e ha baciato sua moglie Sarah Huffman che tifava per lei, naturalmente. Una cosa del tutto naturale e bella che ha un’eco ancora maggiore qui da noi dove non poco tempo fa qualcuno parlò del calcio femminile come cosa “da quattro lesbiche”.

Dalla Francia, invece, giunge la notizia che la nuotatrice Melanie Henique, anche lei lesbica dichiarata, bronzo nei 50 metri farfalla al mondiale di Shanghai 2011, ha subito un’aggressione a sfondo omofobico, tanto che ne è uscita con tanto di frattura del setto nasale. Il suo commento all’accaduto fa riflettere:

C’è molto odio, l’omofobia è un problema in Francia. Psicologicamente sono sotto shock. Non mi sarei mai aspettata una cosa così. È un dovere per me render pubblici questi fatti, con l’obiettivo di aiutare tutti quelli non si sentono di presentare una denuncia. È qualcosa che purtroppo accade spesso.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 8 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO