Serbia: un amico gay? No, grazie

Serbia

I gay in Serbia continuano a essere al centro di forti discriminazioni. Ecco qualche dato emerso da un recente sondaggio. I dati sono stati resi pubblici dalla Strategic Marketing, dopo aver fatto le domande a circa mille persone.

Un terzo circa delle persone non vorrebbe un gay o una lesbica come vicina di casa. E, cosa ancora forse più triste, circa la metà dei contattati non li vorrebbe come amici. Si parla di una percentuale altissima, ben il 50%; il 68% ritiene che il Pride sia solo un modo per ostentare e mostrare altre preferenze sessuali, mentre solo il 29% ritiene che sia per combattere le discriminazioni.

Solo il 26% pensa che debbano essere difese e aiutate le minoranze sessuali, il 62% è contrario. E, tra questi ultimi, il 28% pensa che i gay siano persone malate, il 34% invece le ritiene dannose.

Via | Ansa

  • shares
  • Mail