Abortire un futuro sodomita non è peccato ma è il male minore

Abortire i gay è un atto di fede - Gruppo su Facebook

Abortire un futuro sodomita non è peccato ma è il male minore. Abortire un futuro sodomita è un dovere morale.

Senza dubbio è opera di un troll il gruppo Facebook dal titolo Abortire un gay è un atto di fede (che, ovviamente, non linko!) che, oltre alla frase qui sopra, ha il seguente testo nella descrizione:

I nuovi studi del dottor A. Hoffman hanno mostrato come l'omosessualità sia dovuta ad un gene. Inoltre, il dottor Hoffman ha mostrato al mondo come questi geni siano identificabili a partire dalla settima settimana di gestazione. La Chiesa è ferma nella sua nuova posizione: non è peccato abortire un figlio gay. Anzi, è più grave tenerlo con sé e farlo crescere come se fosse normale. Abortire un futuro sodomita non è peccato ma è il male minore. Abortire un futuro sodomita è un dovere morale.

Opera di un troll (spero), che in molti abbiamo provveduto a segnalare a Mr Facebook sperando che lo rimuova quanto prima. Quello che mi lascia perplesso sono i 393 Mi piace (al momento in cui scrivo): possibile ci siano quasi quattrocento persone a cui piacciano tali deliri? E la Chiesa, pur chiamata in ballo, tace. Lo stesso fanno i politici, subito pronti a saltare in piedi quando su Facebook nasce qualche gruppo che manda a quel paese questo o quel personaggio politico o religioso: silenzio. Del resto si sta solo dicendo di sterminare i gay (come si farà poi a capire che il feto sia gay, poi?), non c'è mica problema...

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: