Fabio Canino su Antonio Cassano: "Ha orecchini di diamanti, dieci anni fa gli avrebbero dato del frocio"

Fabio Canino

Amo Fabio Canino per la sua ironia (anche "auto"), quel modo di rispondere sempre a tono, in maniera tagliente e soprattutto intelligente. E' stato contattato da Panorama per commentare l'uscita infelice di Antonio Cassano di qualche giorno fa. Lui stesso gli ha scritto su Twitter non appena saputa la sua dichiarazione:

Cassano può stare tranquillo: i gay hanno tanti difetti ma anche un gran buon gusto... lui è salvo. E gli ho dato dell’analfabeta. È pure cafone con quei due orecchini di diamanti. Nella sua ignoranza non sa nemmeno che se li avesse indossati dieci anni fa, avrebbero dato del frocio pure a lui.

Si sarebbe potuto ignorare il tutto ma..

Peccato che Cassano in questo momento rappresenti l’Italia all’estero, ahimè. La Lega Calcio dovrebbe tutelare l'immagine del nostro Paese: meglio far parlare solo l’allenatore o il portavoce. La cosa grave è che i ragazzini che lo seguono, sentendogli dire quelle scemenze si sentono autorizzati a emularlo.

Anche l'Estero ha criticato l'accaduto...

Sul Guardian di oggi c’è un bellissimo articolo di Richard Williams. Spiega che è scandaloso che nessuno gli abbia detto nulla: il minimo che potrebbe fare è versare una cifra cospicua a un’associazione che si occupa di diritti civili. Spero lo faccia senza aspettare il suggerimento di qualcuno. Agli Italiani toccategli qualsiasi cosa ma non la Nazionale. Se prendessero tutto sul serio come fanno col calcio, saremmo un Paese modello. Ma in tutta questa la vicenda c’è un altro aspetto imbarazzante. La reazione dei giornalisti in conferenza stampa. Con quella risata grassa, da caserma, come se avesse fatto una battuta Totò o Woody Allen. Alcuni amici giornalisti erano presenti: mi hanno raccontato che i loro colleghi stranieri erano basiti quando gli hanno tradotto quell'uscita penosa.

Ma nemmeno Alessandro Cecchi Paone è del tutto appoggiato dopo i suoi commenti sui gay in Nazionale:

C’è da scandalizzarsi per Cassano, non per Cecchi Paone. Alessandro è uno verace e non penso si sia inventato qualcosa: non è un imbecille. Ma non doveva dire certe cose. Lo “sputtanamento” ci sta per gli omosessuali velati o nascosti che offendono i gay. Per il resto, l’outing va maneggiato con cura: non sono d’accordo nel fare nomi a tutti i costi.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: