La lunga fuga dal triangolo rosa: la vita di Richard Plant

The pink triangle di Richard Plant

Richard Plant o meglio ancora Richard Plaut nacque a Francoforte nel 1910, ma ancora giovanissimo dovette lasciare in fretta e furia la Germania. Nel 1933 venne infatti approvata la famigerata legge contro l’omosessualità e Plant insieme al compagno Oskar Seidlin, subodorato il gravissimo pericolo che li attendeva solo dietro l’angolo, decisero di lasciare la patria e rifugiarsi nella vicina Svizzera. Qui Plant ottenne il dottorato dall’università di Basilea, ma la minaccia tedesca sembrava diventare di ora in ora più incombente, sempre più terribilmente vicina ed i due nel 1938 lasciarono definitivamente l’Europa per gli Stati Uniti.

In America Richard Plant anglicizzò il suo nome e si impose quasi subito all’attenzione del pubblico, scrivendo diversi libri (dai gialli alle tematiche care all’infanzia), prima in coppia con il compagno, poi una volta finita la seconda guerra mondiale da solo, rivelando un talento non comune per la scrittura; talento che diede il suo frutto probabilmente più bello nel 1986 con la pubblicazione di: “Il triangolo rosa: la guerra dei nazisti contro gli omosessuali”. Un testo fondamentale non solo della letteratura gay, ma anche per la storia – quella con la S maiuscola.

  • shares
  • Mail