L’Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per Psicologi concede contributi di genitorialità anche alle coppie gay

L'ENPAP riconosce il sostegno anche per adozioni o affidamento: contributi di genitorialità anche alle coppie omosessuali

Una famiglia gay: due papà e una bimba

È divento operativo il Regolamento dell’ENPAP (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per Psicologi) per la concessione di un contributo per la paternità e la genitorialità. Il nuovo titolo del Regolamento di Assistenza non fa distinzioni circa il sesso dei genitori cui spetterà l’assegno disposto dall’Ente. Spiegano Felice Torricelli e Federico Zanon, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dell'ENPAP:

Gli iscritti ENPAP potranno ricevere un contributo nel momento in cui diventano genitori, indipendentemente dalla loro appartenenza di genere o dal loro orientamento sessuale. Questo contributo sarà cumulabile con l’eventuale indennità di maternità.

In tal modo le disposizioni dell’Ente si allineano ai risultati delle ricerche, ormai acquisite da anni dalla comunità scientifica, circa la normalità dei diversi orientamenti di genere. L’ENPAP è all’avanguardia anche rispetto al tema, al centro del dibattito culturale in questo periodo, relativo alla tematica delle adozioni da parte di coppie omosessuali.

Il contributo è corrisposto quale sostegno economico finalizzato ad assistere l’iscritto nel momento in cui avviene l’ingresso in famiglia di un figlio in seguito a parto, adozione o affidamento. Sarà un contributo attribuibile al genitore che non ha diritto al contributo di maternità garantito per legge e consentirà di vedere riconosciuto il diritto di ogni bambino a essere accudito, soprattutto nella fase perinatale, da entrambi i genitori, contribuendo a superare i retaggi legati ai ruoli di genere.

L’ENPAP si pone quindi all’avanguardia in Italia rispetto alle tematiche di emancipazione delle donne (che rappresentano l’82% degli iscritti all’ENPAP) dai ruoli di cura familiare e di liberazione di loro energie da investire in professione, grazie alla condivisione dell’impegno di cura dei figli.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 148 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO