Gay & the city: Tipi da Grindr

Nella famosa app - e non solo- ecco alcune categoria in cui ci si imbatte spesso. Non è forse capitato anche a voi?

Grindr è solo una delle tante applicazioni gay che si possono scaricare sul proprio smartphone. Permette di localizzare chi si trova -con la stessa app- a poca distanza da voi e potergli scrivere direttamente, come una sorta di chat immediata. Poi si può decidere come gestire la conoscenza se continuare su Grindr o passare a sms/Whatsapp. E, ovviamente, capita di incontrare diversi generi di persone. Ecco alcuni tipi nei quali sarete sicuramente incappati.

grindr

01. Ectoplasmi. Quelli che infestano le chat senza foto, senza nulla. Immagine nera, non si sa quale età abbiano, ti scrivono chiedendo altre tue foto. Possono essere chiunque. Non sai nulla di loro ma vogliono tante altre tue foto. Si narra che siano anime senza pen(e).

ae4d7fa24e4cf894e6f238b536883fcf

02. Fidanzati paranoici. Questi sono numerosi, impossibile non aver mai visto un loro profilo. Sono impegnati e appena ti scrivono solitamente specificano dopo il "Ciao": Comunque sono fidanzato e cerco solo divertimento discreto, voglio essere chiaro da subito. Non amano mandare le loro foto in giro, sono terrorizzati all'idea di essere scoperti e prima di fidarsi cercano di capire quanto conosci la flora e la fauna. L'ansia.

television_paranoia

03. Uomo da grugniti. Solitamente sembra fatichino anche a digitare per intero una parola. Sono solo che si esprimono a grugniti: "A o p" oppure "Sex?". E ancora "K cerchi". Ti viene sofferenza anche solo a leggere e rispondere. E chissà quanto sarà intenso tutto il resto...

QRcfTao

04. Book Hot. A volte nemmeno ti scrivono "Ciao" e già iniziano a bombardarti con foto del loro lato A, B. Manca pochissimo alle lastre. Apri l'app e ti trovi invaso da foto di piselli, cul* e simili. Solitamente accade quando sei in metro, alle 18 di sera, in piedi, in mezzo alla gente. O al bar tra amici.

large

05. Le reginette del ballo. Quelli che "Stupiscimi". Oppure leggi, nell'headline: "Non essere banale". E ancora "Non fare le solite domande". E ti chiedi come si potrebbe mai iniziare una conversazione con uno così: parlando di unicorni? Scrivendo al contrario le parole tipo "oaiC"?

regina-george-means-girls-whatever

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO