Studenti contro l'omofobia: video dei licei romani

C'è bisogno di educazione e formazione per combattere l'omofobia. È, pertanto, degno di particolare lode il progetto Niso che ha coinvolto più di duemila studenti delle scuole superiori, tra Italia, Olanda, Belgio ed Estonia, per realizzare dei video contro l'omofobia.

Il progetto – finanziato dalla Commissione Europea e guidato dalla Provincia di Roma – ha visto la partecipazione di tre licei romani (Giordano Bruno, Socrate e Vivona) i cui studenti “si sono organizzati in due gruppi, con l'obiettivo di dare voci alle loro opinioni e sviluppare strumenti anti-discriminazione”.

Le scuole vincitrici (saranno scelte da un'apposita commissione) andranno a Bruxelles dove potranno presentare le loro proposte contro la discriminazione.

Ha così commentato Nicola Zingaretti, presidente della provincia di Roma, ha così commentato:

Siamo felici di aver guidato questa bella iniziativa contro l'omofobia. Le differenze sono una risorsa, non sono mai un problema.

I ragazzi e le ragazze che hanno realizzato i video sono tutti di età compresa tra i sedici e i diciannove anni, e, per quel che riguarda l'Italia, si sono suddivisi nei seguenti gruppi:


  • Liceo Giordano Bruno: Dimo Si (Diritti matrimoniali agli omosessuali in Italia) e Human Pride (Non sempre gli opposti si attraggono)

  • Liceo Socrate: Discrimin-Action (Movimento contro le discriminazioni) e Drag Queer

  • Liceo Vivona: Just Love e G.A.Y. (Good As You)

Bravi!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: