Mao Tse Tung: uomo da vivo, donna da morto


Negli ultimi tempi, si sente parlare spesso della Cina. Oltre agli scontri avvenuti in via Paolo Sarpi a Milano, le cronache si sono occupate anche di un uomo colpevole di aver “sfigurato” il ritratto di Mao Tse Tung con delle uova.
Un caso simile avvenne nel 1989. L’uomo, il giornalista Yu Dongyue, per un reato simile è rimasto in carcere 16 anni.

Leggendo queste notizie, a tutto penserei, tranne che i cinesi hanno senso dell’humor. Mi sono dovuto ricredere.

L’attuale sosia del Presidente, come ci informa una gallery pubblicata qualche giorno fa da repubblica.it, è una donna. Si chiama Chen Yan. Come una moderna Cenerentola, la cinquantenne, è stata scoperta da un’estetista mentre impersonava Mao in uno spettacolo trasmesso da una tv locale.

Per vedere tutta la gallery, clicca qui.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail