Coming out nel mondo dei fumetti: Lanterna Verde è gay

lanterna verde gayÈ tornato Lanterna Verde, il superoe dell'Universo DC, dopo un periodo di assenza e allontanamento. Ma, insieme al suo comeback, c'è un altro aspetto interessante: viene rivelata la sua natura omosessuale.

Nei giorni scorsi si era parlato di un personaggio dei fumetti molto noto che avrebbe fatto coming out, e così è stato (con una interessante analisi sul politically correct e le leggi del mercato) Nella sua precedente esistenza era marito e padre di due figli (anche loro superoei, per non sfigurare col papà) ma ecco la rivelazione di Alan Scott. La decisione non è stata apprezzata da tutti. Per esempio, l'associazione One Million Moms ha chiesto chiarimenti proprio in merito a questa direzione scelta per la trama del fumetto. Si domanda, infatti, quanto sia necessario dover mostrare ai lettori un modello gay nei panni di superoe. Una domanda che, personalmente, mi lascia basito nella sua retorica. Per parecchi, sembra solo un tentativo di lanciare un messaggio positivo, un modo come un altro per impressionare.

A tentare di dare una risposta definitiva a queste polemiche sorte ci hanno pensato proprio gli autori, provando semplicemente a spiegare come Lanterna Verde gay sia una sfida della modernità del fumetto. Gay e lesbiche sono integrate all'interno della società americana. E allora perchè questo non può accadere in un mondo, in una società -seppure fantastica- come quella dei fumetti?

Potrebbe anche essere visto come un modo per sensibilizzare (brutta parola, me ne rendo conto) e rendere decisamente normale (come dovrebbe essere) un uomo gay visto nei panni di un eroe. Importante messaggio anche per i giovani, magari a volte lasciati soli a sfidare un bullismo.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: