Università di Bari, doppio libretto e tutor per studenti trans: una piccola grande vittoria

L'Università di Bari istituisce un doppio libretto e una figura tutor per gli studenti transessuali

Università di Bari

L'Università di Bari ha fatto un grosso passo in avanti nei confronti di tutti i suoi studenti: sì, perché sappiamo tutti che rispettare una minoranza significa rispettare tutto il corpo studentesco e assicurare che, in futuro, quelle che potrebbero diventare minoranze saranno comunque tutelate; è un concetto che dovrebbe essere alla base di tutta l'organizzazione statale e del modus operandi della politica, ma sappiamo bene che il nostro stato è lontano anni luce da un tale stato di cose. Veniamo al dunque.

L'Università di Bari ha istituito il doppio libretto agli studenti e alle stuentesse trans: la delibera del Senato Accademico è arrivata dopo la proposta della commissione delle Pari Opportunità dell'Ateneo, a cui si erano rivolti i rappresentati dell'associazione LGBT comunale "Link". A riportare la notizia è il Corriere del mezzogiorno, che parla di un secondo libretto - quello con il nome scelto dallo studente o dalla studentessa - e di un tutor che farà da intermediario fra il docente e il discente, qualora il primo dovesse trovare nei dati pervenutigli nome anagrafico e generalità diverse da quelle effettive.

Ricordiamo che questo piccolo grande passo è stato compiuto anche da altre Università: pensate a Bologna, Catania, Padova, Pisa e Torino, che permettono a tutti i transessuali di vivere tranquillamente. Certo, questo non servirà a debellare i pregiudizi della gente ignorante, ma è senz'altro un bel traguardo, non trovate?

Via | Gay.it

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 141 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO