Il matrimonio gay al centro delle notizie queer della settimana

Mentre in molte parti del mondo il matrimonio ugualitario fa passi avanti, in Italia assistiamo a enormi passi indietro: questo è quel che si comprende guardando le notizie della settimana dal 6 al 10 gennaio 2014

Matrimonio gay

In questa prima settimana del 2015 ci soffermiamo sul matrimonio ugualitario. La settimana che si è appena conclusa, infatti, ha portato con sé diverse notizie in merito a questo argomento, che è sempre più caldo in tutto il mondo, mentre in Italia è gelido (perché, si sa, i problemi sono sempre altri qui da noi…).

Il 2014 si è chiuso con la possibilità per gli scozzesi di sposarsi e si è sposato con il Lussemburgo che ha visto la prima coppia di uomini che si è regolarmente sposata. Quindi è stato il turno della Florida: dal 6 gennaio (dal 5 per la contea di Miami-Dade) le coppie dello stesso sesso possono unirsi regolarmente in matrimonio. Dal canto suo David Cameron ha fatto sapere che quanto prima prenderà parte a una celebrazione nuziale tra persone dello stesso sesso.

Un piccolissimo passo avanti per l’uguaglianza dei cittadini, giunge dal Vietnam: è stata abolita la messa al bando dei matrimoni gay. Finora in Vietnam non si potevano celebrare matrimoni gay simbolici e le coppie dello stesso sesso non potevano nemmeno vivere insieme: ora invece si possono celebrare nozze gay simboliche e le coppie dello stesso sesso possono vivere insieme, se vogliono. I matrimoni gay continuano a non essere legali, in ogni caso. Dalla Macedonia, invece, giunge la notizia che l’Assemblea nazionale ha sancito che il matrimonio è solo quello tra un uomo e una donna.

E in Italia? Qui da noi è successo che il sottosegretario alla Giustizia, Cosimo Maria Ferri, in Parlamento ha difeso a spada tratta la circolare del ministro Angelino Alfano che ordina ai prefetti di annullare la trascrizione dei matrimoni ugualitari celebrati all’estero. Ha commentato la Rete Lenford – Avvocatura per i diritti LGBT: “La perseveranza del Governo in questa illegittima condotta non potrà che determinare l’insorgenza di un conflitto di attribuzioni fra poteri dello stato”.

Segnaliamo, infine, che la rivista GenIUS, la prima rivista di studi giuridici sull’orientamento sessuale e l’identità di genere, ha pubblicato il suo secondo numero, interamente dedicato al matrimonio ugualitario.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 52 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO