Carlo Giovanardi: "L'Olocausto gay? Non c'è mai stato, anzi, il Nazismo era largamente rappresentato dai gay"

Carlo Giovanardi non molla. Ecco nuovamente intervistato da Klaus Davi mentre nega addirittura l'olocausto gay. Sì, proprio così...

"L’Olocausto dei gay non c’e’ mai stato. C’è stata invece, questo si, una persecuzione dei gay. Ma per essere chiari di Olocausto ce n’e’ stato uno solo, ed stato è quello del popolo ebreo, anche dal punto di vista legislativo, normativo; tutti elementi che hanno costituito l’unicità di questo terribile dramma storico. L’Olocausto ha interessato il popolo ebraico. Poi ci sono stati da parte del Nazismo tutta una serie di azioni che hanno riguardato gli handicappati, quelli che avevano malattie mentali, gli zingari, le popolazioni dell’est considerate popolazioni inferiori, i cattolici e gli evangelici che si opponevano al regime e anche i gay. Però ricordo anche che il movimento nazista era largamente rappresentato dai gay, perchè c’erano gay nazisti ai vertici del partito. L’Olocausto riguarda solo gli ebrei. Non c’è stato nessun Olocausto dei gay, ma solo una persecuzione di situazioni gay"

La negazione della storia, nessun Olocausto ma solo una persecuzione di "situazioni gay". E non solo, il movimento nazista era largamente rappresentato dai gay, c'erano gay nazisti ai vertici del partito.

No, vabbè, io ci rinuncio...

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 60 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO