Tom Luchsinger, campione di nuoto, fa coming out: è gay

Dopo una vita passata a nascondersi, Tom Luchsinger, nuotatore USA, ha dichiarato pubblicamente di essere gay

Tom Luchsinger, campione nei 200 metri farfalla ai Nazionali d'America nel 2013, ha fatto coming out e si è dichiarato gay. Lo sportivo, che ha 23 anni e che nel 2016 parteciperà alle Olimpiadi in Brasile, ha scritto una sentitissima lettera a OutSports in cui parla del suo orientamento sessuale e delle difficoltà che ha incontrato nel corso degli anni a rimanere sempre nascosto.

Il suo orientamento sessuale era diventato per lui quasi un'ossessione, tanto che giunge a definirsi il re della doppia vita e che ogni volta che postava qualcosa sui social network – come Instagram, Twitter o Facebook – rileggeva tutto più volte per essere certo che nessuno potesse capire qualcosa del suo orientamento sessuale. Aveva il terrore di essere “scoperto” e così, scrive, durante le interviste cercava di essere il più maschile possibile ed era arrivato a vivere una vita profondamente divisa: con i compagni di squadra, l'allenatore, i genitori e dinanzi ai media era sicuro, ma poi nel privato provava profonda angoscia e si sentiva inadeguato. Era talmente ansioso che lo scoprissero che i valori delle sue analisi erano sballati e aveva una frequenza cardiaca raddoppiata rispetto alla norma.

Lo scorso agosto ha deciso di fare coming out con la famiglia e con gli amici: ma prima di compiere il passo, sempre per via dell'ansia, gli è venuta l'acne e l'herpes. Con la sua famiglia ha preferito parlare al telefono. Ha detto ai suoi: “Sono gay. E ho paura”. La reazione dei suoi l'ha spiazzato. Prima gli hanno chiesto: “Sei lo stesso uomo che noi abbiamo cresciuto per 23 anni?”. Lui ha risposto di sì e loro, di rimando: “E allora che ce ne importa!”.

Tom Luchsinger

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail