I film LGBT della storia del cinema: Belli e dannati, 1991

Uscito nelle sale nel 1991 con il titolo originale di My Own Private Idaho, Belli e dannati, diretto da Gus Van Sant, racconta le vicende di due giovani alla ricerca di sé. Un viaggio duplice che dall’America li porterà fino a Roma sulle tracce della madre scomparsa di Mike (interpretato, lo ricordiamo, da uno straordinario River Phoenix)

Cuore pulsante di Belli e dannati, Mike e Scott, due giovani alla ricerca di sé, di una verità a cui ancorarsi per non smarrirsi definitivamente. Un viaggio interiore che coincide con una peregrinazione reale che porterà i due amici anche a Roma sulle tracce della madre scomparsa di Mike (interpretato da River Phoenix che per questo ruolo vinse la Coppa Volpi alla Mostra di Venezia).

Un viaggio a tappe dove i due ragazzi che, per motivi diversi, vivono di prostituzione e piccoli espedienti si confronteranno, giungendo ad un bivio. Ad una separazione definitiva.

my-own-private-idaho1

Se Mike perdutamente innamorato di Scott continuerà infatti da solo la sua affannosa ricerca, tra droga e prostituzione, Scott (con il volto di un giovanissimo Keanu Reeves) legatosi ad una ragazza italiana rientrerà, dopo la morte del ricco e rispettato padre, in America, trincerandosi dietro il benessere economico ed una vita borghese e tradizionalista.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail